Premetto che mia figlia ama gli animali, che in casa abbiamo un gatto (chiamato la bestiaccia perchè piuttosto irascibile) e che mia cognata ha due pastori tedeschi molto affettuosi e tranquilli. Sono anche andata a rileggermi il post di Gaia su bambini e cani e l’ho trovato molto bello.

Putroppo però sono all’ordine del giorno anche le cattive notizie, quelle in cui si racconta di bambini feriti, uccisi dal loro animale domestico. In molti casi si tratta di cani di grossa taglia. Gli animalisti e in genere i padroni dotati di buon senso tendono a sottolineare che il problema non è mai la taglia del cane, ma l’educazione che ha ricevuto. Penso che lo stesso valga per i bambini e per quegli adulti abituati a considerare gli animali come un giocattolo personale e pronti ad abbandonarli quando non vogliono più responsabilità.

Tutte queste riflessioni però, non sono sufficienti a tranquillizzarmi. Molti di questi bambini erano in braccio o vicinissimi ad un adulto quando sono stati aggrediti e la cosa mi spaventa. Mi è anche capitato di trovarmi con la piccola nel passeggino ad affiancare un Dobermann senza guinzaglio e senza museruola, pare sia un cane buonissimo con i bambini, ma non riesco a fidarmi. Se un barboncino attaccasse la piccola non avrei problemi a salvarla, credo. Ma con un bestione non ce la potrei fare neanche con tutto l’amore e la determinazione del mondo.

Potrebbero costringere i possessori di cani a prendere una sorta di patente, rilasciata magari dopo un corso da far frequentare ad entrambi. Ma non credo sia sufficiente, visto che non è sufficiente neanche con le patenti automobilistiche. Insomma, mi sto chiedendo se da qualche parte esiste un manuale che ci dica cosa fare in caso di aggressione. Meglio ancora per prevenire queste situazioni. Possibile che l’unica soluzione sia tenere lontana mia figlia dagli animali? Il dibattito tra i genitori è aperto.

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Crescita Leggi tutto