4 consigli per far uscire i bambini a giocare senza preoccupazioni

4 consigli per far uscire a giocare i bambini in sicurezza

Con l'arrivo della primavera e l'avvicinarsi della fine della scuola i bambini si sentono maggiormente in diritto di uscire a giocare. Mi sembra giusto. Con i bambini piccoli è più facile perchè, siccome non sono ancora indipendenti, quando giocano non si allontanano troppo dai genitori. Ma come agire nei confronti dei più grandicelli nei quali la voglia di libertà inizia a farsi sentire? E' giusto farli uscire a giocare con gli amici da soli? Sul blog Smarter ci consigliano qualcosa in merito.

L'importanza delle regole
Quando l'entusiasmo è alle stelle spesso i piccoli dimenticano cosa è giusto fare e cosa non fare. Prima che escano mettetevi seduti con loro per parlare a quattr'occhi quando ancora non sono sovraccarichi di energia, e fare in modo che fissino le regole bene in mente.

Essere vigili
Inizialmente è bene metterli alla prova. Se giocano in cortile fate in modo di poterli controllare ogni dieci minuti. Se le regole vengono infrante o i piccoli agiscono in maniera pericolosa per sè o per gli altri stroncarle sul nascere. Se siete lì per 10 minuti e tutto va bene, riprendete le vostre attività e controllateli regolarmente ogni 10-15 minuti. Se dopo quattro o cinque uscite il vostro bambino rispetta ancora le regole, una volta o due potrete anche chiudere un occhio.

Offrire rinfreschi
Quando è primavera e fanno attività i bimbi hanno caldo, soprattutto se sono in giro. Ogni poche ore, i ragazzi tornano a acasa per un bicchiere d'acqua o una bibita fresca. Per questo è buona cosa invitare i loro amici, in maniera da non farli allontanare troppo da casa e per vederli ogni tanto. E' poi è utile per controllare con che genere di amici stanno giocando (se sono affidabili).

Il cellulare é importante
Se avete bambini grandicelli che lasciano il quartiere sulle loro biciclette, assicuratevi che portino con sè un cellulare. Nel mondo di oggi, un telefono cellulare è indispensabile. È possibile contattarlo in qualsiasi momento e anche tenerne traccia sul GPS. Ed è la soluzione ideale se il bambino ha bisogno urgente di contattarvi (quando ero bambina era uno strumento che noi piccoli non potevamo avere, perchè non sfruttarlo?).

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail