La nuova baby sitter? La tecnologia

La nuova baby sitter? La tecnologia

Devo essere sincera, ogni tanto affido ai miei bambini l' iPhone o l'iPad. Non è peggio di tanta televisione. I nostri sono bambini nati nell'era della rivoluzione digitale ed è giusto che conoscano i nuovi strumenti, anche solo per giocarci. La grande li usa con facilità, e il piccolo li utilizza con una precisione straordinaria, nonostante abbia solo due anni di età -con quelle piccole dita sa sempre come e dove cliccare sul touch screen o far scorrere le immagini! Certo è sempre meglio star loro accanto per indirizzarli nella giusta direzione, ed evitare che navighino su Internet senza controllo. Sono più favorevole ai giochi -quante app avrò scaricato? Ho perso il conto-.

Prima tentavano di accaparrarsi il mio pc portatile, oggi sono orientati all'ultimo gioiellino chiamato iPad che coinvolge adulti e bambini. Penso che come tutte le cose se usate con moderazione e criterio possono fare solo bene. Sotto la supervisione di un adulto, i bambini possono sfruttare la tecnologia di un tablet o dello smartphone: possono capire dei meccanismi che gli saranno utili quando frequenteranno la primaria. Sempre se desiderano usarli.

C'è uno studio condotto in Maine che mi conforta in merito: nel corso di un test i bambini dell'asilo che utilizzavano l' iPad in aula, hanno raggiunto un punteggio maggiore rispetto a chi non l'aveva mai usato. Voi che ne pensate? Prima di rispondere, guardate l'infografica dopo il saltino.

Via | HolyKaw

La nuova baby sitter? La tecnologia
  • shares
  • Mail