Il dolore del parto: cosa ne pensano i papà, cosa ne pensano le mamme

Neo mamma in ospedaleLe mamme del parto pensano una cosa sola: aaaaauuuurghhhh! Anche quelle donne, che noi tutte invidiamo, che fra inizio delle contrazioni e parto ci mettono meno di un’ora, hanno lanciato l’urlo da espulsione. Cito una mia amica che ci ha messo venti minuti “ho lanciato l’urlo e poi ho sentito come un pallone da calcio che schizzava fuori: l’ostetrica l’ha presa al volo”.

Ad ogni modo, a pochi giorni dalla nascita di mia figlia, non ero l'unica in corsia a pensare che gli uomini non hanno figli, perché non li fanno loro. Siamo noi che concediamo loro di essere padri (potere alla pancia!).

Non me ne vogliano i bravi papà e mariti, quelli comprensivi che non parlano di ciò che non conoscono. Me vogliano pure, invece, quelli di cui sto per raccontare e dicono tante di quelle stupidaggini che mi stupisco che siano ancora sposati.

Il primo mi disse che tutte queste storie sull'epidurale lo avevano stancato, che insomma, si partorisce da migliaia di anni e non c'è bisogno di analgesico. Gli ho detto che la prossima volta che lo operano al ginocchio potrà scegliere una bottiglia di whisky al posto dell'anestesia, da vero uomo.

Il secondo si stava lamentando della mancanza di figli. Mia moglie, disse, è spaventata dal parto. Gli feci notare che allora andava rassicurata e tranquillizzata, che era importante farle capire che il dolore è finalizzato ad un evento gioioso, ma neanche mi ascoltava. Aveva quell’espressione che dice: se l’ha fatto mia madre, che sarà mai. Lo so, bisognerebbe prima infierire sulla madre e poi su di lui.

Il terzo ha detto: voi avete il parto, noi le coliche renali. Non lo commento neanche.

La sacrosanta verità l’ha confessata il ginecologo di una mia amica: “Signora, quando un uomo dice: cara, che esperienza meravigliosa la gravidanza, vorrei poter essere al tuo posto, mente. Se Dio in quel momento potesse effettuare il trasferimento del pancione, quell’uomo scapperebbe a gambe levate.”

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail