È il frutto della ricerca di un team israeliano che ha messo a punto uno strumento – tuttora in fase di studio – che permetterà alle mamme in attesa di monitorare l’attività e la buona salute del feto fino a tre volte al giorno, applicandolo semplicemente sulla pancia come un cerotto per circa 20 minuti.

Il sensore del BioPad rileverà i movimenti del feto ed eventuali anomalie avvisando immediatamente se c’è qualcosa che non va in modo che si possa contattare il medico in tempo reale. Lo scopo è quello di abbassare l’incidenza di aborti spontanei e danni al feto monitorandone costantemente la salute.

Il monitoraggio costante diventa non solo un utile strumento in più per il medico, che può disporre di dati costantemente aggiornati semplicemente scaricandoli tramite USB, ma è anche un importante aiuto per le donne in gravidanza che possono in questo modo sentirsi più tranquille e sicure, anche se ovviamente non sostituisce in alcun modo il medico.

Via | Bioblog.it

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Gravidanza Leggi tutto