Libri per bambini: in arrivo la serie firmata da Federico Moccia

Federico Moccia si cimenta nella narrativa per bambini: l’appuntamento con “Il mistero di Diamantosso” è a partire dal prossimo 4 novembre in libreria.

Federico Moccia lo conosciamo tutti. Probabilmente grazie anche a “Tre metri sopra il cielo” e “Scusa se ti chiamo amore”, due dei suoi più grandi successi destinati agli adolescenti. Sempre ai giovani si rivolge la sua ultima opera, una serie di libri per bambini che promette di appassionare migliaia di piccoli.

Perché è proprio per questi che ha scritto le avventure di Beniamina Wood. Si cimenta, così, nella narrativa per bambini, e lo fa con una nuova serie di libri che arriverà in libreria dal 4 novembre. Il primo appuntamento in programma è con “Il mistero del Diamantosso“, età di lettura, dagli 8 anni.

Libri per bambini: in arrivo la serie firmata da Federico Moccia

Federico Moccia firma serie di libri per bambini

“Ciao, sono Beniamina Wood! Il mio sogno è diventare la top influencer di tutta Bauville, proprio come Chiara Braccagni, ma non sarà facile… Ho una vita sociale frenetica, e insieme alle mie amiche cerco sempre di risolvere alcuni misteri, perché a Bauville succedono MOLTE cose MOLTO STRANE”.

A cosa di riferisce? Alla sfilata dello stilista Rodolfo Barboncino, durante la quale sarà esibito il Diamantosso, lo stesso del mistero al quale allude il titolo, uno dei gioielli più preziosi al mondo. Queste sono le premesse che anticipano l’uscita del primo volume della serie di Moccia. Per il secondo volume si dovrà aspettare maggio 2022, quando uscirà “Il concorso ingarbugliato”.

L’importanza della lettura per i bambini

Sappiamo bene quanto la lettura sia importante per tutti, ed i bambini non fanno eccezione. Aiuta lo sviluppo della mente, migliora il linguaggio e rende più ricco il vocabolario, sviluppa una comunicazione più efficace, rende più creativi e più performanti a scuola. Per tutto questo è bene che la lettura diventi un appuntamento fisso, un momento atteso con impazienza e desiderio dal bambino. Ma non dovrebbe essere mai una forzatura. La lettura deve essere un piacere, non un obbligo, altrimenti potrebbe produrre l’effetto opposto, ovvero allontanare i piccoli dai libri.

Photo Credit | Via Flickr di CANAL SUR MEDIA e Foto di 愚木混株 Cdd20 da Pixabay