4 principi Montessori che aiutano i bambini a imparare e crescere

Esistono dei principi Montessori facilmente applicabili in casa: eccone alcuni utili per la crescita e l’educazione dei bambini ai quali puoi ricorrere.

L’approccio Montessori offre grandi opportunità ai bambini in età scolare di sviluppare abilità e attitudini utili nella vita sociale. Diversi sono gli studi che hanno dimostrato come i bambini che ricevono un’educazione Montessoriana, mostrano di avere un’elevata creatività, avanzate abilità sociali e un maggiore senso di giustizia. Fortunatamente, molti dei principi Montessori più validi, sono facilmente applicabili tra le mura domestiche. Te ne suggeriamo 4 che ogni genitore può utilizzare agevolmente nell’educazione del proprio bambino.

4 principi Montessori che aiutano i bambini a imparare e crescere

I principi Montessori che aiutano i bambini nella crescita

Ecco come possiamo mettere in pratica il legame esistente tra un’educazione Montessoriana e lo sviluppo delle diverse abilità.

  1. L’imitazione è il primo istinto della mente che si risveglia.” Maria Montessori riteneva che i bambini imparassero meglio quando, osservando attivamente ciò che li circonda, avessero l’opportunità di mettere in pratica ciò che imparavano. E’ facile dedurre come i genitori siano il primo esempio per i propri figli in quanto le azioni parlano più forte delle parole. Lascia che i piccoli ti aiutino affidando loro dei compiti da portare a termine.
  2. Aiutami ad aiutare me stesso.” Osservando i bambini a lei affidati, Maria Montessori ha scoperto che, avendo la possibilità di lavorare autonomamente, i bambini diventano più autosufficienti e più motivati. Ecco perché la pedagogista ha ritenuto utile dotarli di strumenti e attrezzature a loro misura. Per attuare questo principio, basta far sì che gli scaffali nella loro cameretta siano alla loro altezza. In questo modo potranno prendere (e riporre) da soli tutto ciò di cui abbiano bisogno.
  3. Dare la libertà a un bambino non è abbandonarlo a se stesso.” Molte persone credono erroneamente che un’educazione montessoriana significhi dare ai bambini troppa libertà, lasciando fare loro tutto quello che vogliono. Questo non è affatto vero. Per capirlo, basta soffermarsi sul fatto che la libertà ad essi “accordata”, si esplica all’interno di una struttura. Ciò significa che il bambino deve essere consapevole dei limiti che deve rispettare. E che la libertà del quale è dotato va di pari passo con delle responsabilità.
  4. Il bambino costruisce il suo io più intimo dalle impressioni che riceve.” Se mostri a tuo figlio che credi che possa avere successo, ti crederà. Se mostri, invece, che non credi nelle sue abilità, ti crederà allo stesso modo. Maria Montessori riteneva che il modo in cui percepiamo i nostri figli influenzi il loro senso di sé. Il bambino ha bisogno di sentirsi importante, ed è compito di mamma e papà far sì che ciò accada. Per attuare questo principio, inizia a chiedere la sua opinione (che è importante quanto la tua). Fai domande circa i suoi interessi e descrivilo con parole attente quando parli di lui.

Foto di LaterJay Photography da Pixabay e di Katja Fissel da Pixabay