Carbone vegetale in gravidanza: per quali disturbi è efficace

Il carbone vegetale è un integratore alimentare utile in caso di disturbi digestivi, meteorismo e aerofagia. Vediamo se è indicato anche in gravidanza


Carbone-vegetale-gravidanza

Il carbone vegetale è un ottimo rimedio naturale contro disturbi comuni anche in gravidanza, come ad esempio il meteorismo e l'aerofagia. Infatti questo integratore alimentare è sostanzialmente fatto di fibre lignee che il corpo non digerisce, ma che sono dotate di una speciale proprietà, chiamata "adsorbenza", che le rende in grado di catturare le bolle di gas che si formano nello stomaco e nell'intestino e si facilitarne l'eliminazione.

Come funziona il carbone vegetale? Le fibre di legno (in genere salice e betulla) vengono sottoposte ad un processo naturale chiamato pirolisi, che permette una decomposizione in assenza di ossigeno ottenuta grazie al calore.

Grazie alla pirolisi le fibre diventano così porose, ecco perché, una volta giunte indigerite nell'intestino, sono in grado di assorbire le bolle gassose da fermentazione dei cibi che provocano il gonfiore addominale e rallentano la digestione, e di permetterne l'eliminazione. Inoltre il carbone vegetale aiuta a rimettere in senso un intestino un po' pigro e a combattere la stitichezza.

La maggior parte delle donne in gravidanza sperimenta problemi all'apparato digestivo, tra cui, come anticipato, flatulenza, aerofagia e meteorismo (ovvero produzione eccessiva di aria e di gas tra stomaco e pancia) a causa sia del peso dell'utero che preme contro gli organi addominali, che degli ormoni. Assumere il carbone vegetale, inoltre, è consigliato anche per chi sia stato intossicato da sostanze chimiche o metalli attraverso l'alimentazione o i farmaci.

Tuttavia, anche se stiamo parlando di un integratore alimentare in genere innocuo, in gravidanza il suo uso non è propriamente consigliato. La ragione è che potrebbe contrastare in minima misura l'assorbimento delle sostanze nutritive che servono per il feto e provocare diarrea.

I ginecologi consigliano di usarlo solo per brevi periodi, ma è importante, in gravidanza, evitare sempre il fai da te. Se siete future mamme e soffrite di dispepsia, di colite, di gastrite e di meteorismo, quindi, innanzi tutto provate ad alleviare il disturbo con l'alimentazione, e per quanto riguarda il carbone vegetale, chiedete consiglio al vostro ginecologo.

Foto| via Pinterest

  • shares
  • Mail