La frutta per diabetici in gravidanza, quali assumere per tenere bassa la glicemia

Una futura mamma diabetica o con iperglicemia deve stare attenta a non assumere troppi carboidrati, inclusa la frutta. Vediamo quella più adatta

La frutta nella dieta di una donna in gravidanza è molto importante, perché fornisce sostanze preziose come vitamine, minerali, fibre, e perché rinforza sistema immunitario e svolge azione antiossidante.

Tuttavia, nelle gestanti diabetiche o con iperglicemia (e quindi a rischio di sviluppare il diabete gestazionale), è bene cercare di "stare a regime" anche con la frutta, nonostante sia benefica per la salute.
Frutta-diabetici-gravidanza

infatti si tratta sempre e comunque di carboidrati, sostanze ricche di zuccheri che possono contribuire e scompensare il metabolismo. Detto questo, per sfruttare al meglio i benefici della frutta nell'alimentazione senza ritrovarsi con livelli glicemici superiori a quelli di guardia, basta puntare sui frutti a più basso indice glicemico (IG).

Quest'ultimo è un parametro internazionale che chi soffre di diabete conosce bene, ovvero misura la velocità con cui un alimento contenente carboidrati è in grado di innalzare nel sangue i valori glicemici ad un'ora dal consumo.

Dal momento che il valore di riferimento è 100 (quello del glucosio puro), quanto più l'IG di un frutto si allontana da questo (e quindi parlano di una cifra inferiore a 80), tanto più sarà adatto ad una gestante diabetica. Ecco la lista dei frutti da privilegiare (considerando una porzione "giusta" che non superi i 15 carboidrati):


  • Mele
  • Pere
  • Nespole
  • Arance
  • Pompelmi
  • Fragole
  • Pesche
  • Albicocche
  • Lamponi

Da consumare con moderazione sono invece i seguenti frutti:


  • Banane (soprattutto se ben mature)
  • Cachi
  • Uva
  • Anguria

La frutta secca, come fichi, uvetta, datteri, invece, andrebbe del tutto evitata.

Foto| via Pinterest

  • shares
  • Mail