Seguici su

Sicurezza bambini

Mamme da legare: Il bambino gattona. Breve corso di sopravvivenza per la madre

Quando un bambino inizia a gattonare è una cosa meravigliosa, ma alzi la mano chi non ha pensato almeno una volta: era meglio prima.

Il fatto è che la progressiva indipendenza che i nostri figli raggiungono non solo è naturale, ma auspicabile il prima possibile. Eppure, quando arriva quel momento,sembra che l’intera casa ci si rivolti contro diventando nostra nemica. I genitori iniziano a vedere pericoli ovunque, e il guaio è che generalmente hanno ragione: mobili, mobiletti, pentole, coperchi, coltelli, spigoli, camini, fili elettrici.

I genitori, a questo punto, iniziano la bonifica dell’area, spostando mobili e assicurandoli alle pareti, tirando su barriere, incollando paraspigoli e coprendo le prese elettriche. Si mettono complicate chiusure di sicurezza alla dispensa, si posizionano in alto i detersivi, si mandano in un’altra nazione i medicinali e al confino i piccoli elettrodomestici. Tutto questo per una cosa tanto semplice quanto inesorabile: i bambini non hanno la minima cognizione del pericolo. Eppure, è proprio questa che devono sviluppare il prima possibile.

Se fosse per me, manderei in giro mia figlia con una tuta imbottita e ignifuga e un caschetto da rugby, ma sarebbe scomodo, soprattutto in estate. E così mi sono arresa. Ogni volta che si fa male lo fa sotto i miei occhi, non quando è da sola, e le compaiono lividi e graffi dal nulla. Eppure ho spostato tutto, imbottito tutto, protetto tutto, aumentato a dismisura la
metratura del tappeto di gomma, che si espande più di un’alga infestante. Nulla da fare. Non c’è atteggiamento previdente che tenga.

La bimba ha un mobile che predilige più di tutti, una credenza. Arriva, tira fuori tutto, controlla che ci sia qualcosa di nuovo da rosicchiare e poi va via. Un po’ di tempo fa rimase incastrata sotto l’anta aperta. Non avevo mai fatto caso al fatto che le ante non avessero le cerniere ma solo i cardini. Così mia figlia, sentendosi prigioniera, con la delicatezza e la femminilità di una ruspa si tirò su sollevando lo sportello, che le cadde sul sederino. Pericolo scampato, testa salva e mio infarto evitato.

Niente, dobbiamo arrenderci: una volta eIiminati i pericoli più grandi, mobili pesanti, sostanze chimiche, oggetti appuntiti, fili elettrici, dobbiamo solo sperare che un po’ di pericoli controllati insegnino ai nostri figli quel che abbiamo imparato noi da piccoli: meglio qualche livido che giocare con la tutina ignifuga addosso e il caschetto in testa.

Foto | Flickr

Leggi anche

bambini che giocano a calcio bambini che giocano a calcio
Scuola8 ore ago

La gestione dell’orario extra scolastico: attività e riposo

In questo articolo, esploreremo l’importanza di una gestione equilibrata dell’orario extra scolastico. La gestione dell’orario extra scolastico è un aspetto...

Mamma e figlio che fanno i compiti a casa Mamma e figlio che fanno i compiti a casa
Scuola3 giorni ago

Strategie per affrontare la scuola a casa: homeschooling

In questo articolo, esploreremo alcune strategie per affrontare al meglio questa sfida. Negli ultimi anni, l’istruzione a domicilio, conosciuta anche...

bambini a scuola che litigano bambini a scuola che litigano
Scuola5 giorni ago

Strategie per gestire i conflitti tra fratelli sulla scuola

Gestire i conflitti tra fratelli sulla scuola può essere una sfida per molti genitori. Ecco qualche consiglio. I conflitti tra...

bambini, squadra bambini, squadra
Scuola1 settimana ago

Insegnare ai bambini l’importanza del lavoro di squadra

In questo articolo esploreremo l’importanza del gioco di squadra. Insegnare ai bambini l’importanza del lavoro di squadra è un aspetto...

Comunicazione tra genitori e scuola Comunicazione tra genitori e scuola
Scuola1 settimana ago

Preparazione per i colloqui scolastici: consigli per i bambini

La preparazione per i colloqui scolastici è un processo importante per i bambini. Ecco qualche consiglio. I colloqui scolastici sono...

ragazza legge un libro ragazza legge un libro
Scuola2 settimane ago

Consigli per mantenere l’equilibrio tra scuola e hobby

Ecco qualche consiglio per mantenere un equilibrio sano tra scuola e hobby. Mantenere un equilibrio tra scuola e hobby può...

alunni e professore realizzano un progetto pratico alunni e professore realizzano un progetto pratico
Scuola2 settimane ago

Il valore dell’apprendimento pratico: progetti e attività

In questo articolo esploreremo il valore dell’apprendimento pratico, alcuni esempi e le sfide da affrontare. L’apprendimento pratico è un’importante componente...

mani che tengono la Terra mani che tengono la Terra
Scuola2 settimane ago

Integrare l’educazione ambientale nella vita quotidiana

In questo articolo, esploreremo diverse strategie per incorporare l’educazione ambientale nella nostra routine quotidiana. L’educazione ambientale è diventata sempre più...

bambino che disegna bambino che disegna
Scuola3 settimane ago

Strategie per incoraggiare la creatività nei bambini

In questo articolo, esploreremo alcune strategie efficaci per stimolare la creatività nei bambini. La creatività è una delle abilità più...

bambino in difficoltà mentre studia bambino in difficoltà mentre studia
Scuola3 settimane ago

Prevenire l’esaurimento scolastico nei bambini

In questo articolo esploreremo alcune strategie per prevenire l’esaurimento scolastico nei bambini. L’esaurimento scolastico è un problema che affligge molti...

mamma abbraccia figlia adolescente mamma abbraccia figlia adolescente
Scuola3 settimane ago

Prepararsi per le gare scolastiche: incoraggiare i bambini

In questo articolo, esploreremo alcune strategie che possono aiutare i genitori a sostenere i propri figli nel processo di preparazione...

Mamma e figlio che fanno i compiti a casa Mamma e figlio che fanno i compiti a casa
Scuola4 settimane ago

La matematica a casa: rendere divertente l’apprendimento

Ecco qualche consiglio per rendere la matematica divertente e coinvolgente anche a casa. La matematica è spesso considerata una materia...