Raccolta di latte materno da conservare, come farla a casa

Come estrarre, raccogliere e conservare il proprio latte materno in casa in modo da averne sempre una buona scorta? Ecco come fare

Parliamo di un argomento molto importante: come effettuare una raccolta del latte materno in modo corretto. Infatti anche quando una mamma non possa fisicamente dare il seno al proprio bebè per ogni poppata, perché magari deve rientrare al lavoro o ha delle commissioni da fare, questo non significa che il neonato debba rinunciare ai benefici del latte della mamma.

Il prezioso primo nutrimento di un essere umano, proprio come il latte di qualunque altro mammifero, si può raccogliere e conservare, in modo da creare una buona scorta. Come si può fare? Per prima cosa, la neomamma deve procurarsi un buon tiralatte.

Raccolta-latte-materno
In commercio se ne trovano di tanti modelli, a diversi prezzi, sia manuali che elettrici. Tutti vanno bene purché siano sempre utilizzati in modo corretto dal punto di vista igienico. A tal proposito, ricordate che tutte le parti del tiralatte che andranno a contatto con il seno materno e con il latte stesso, dopo l'uso devono essere lavate accuratamente prima con acqua fredda (per eliminare i residui di latte) e poi con acqua calda e sapone.

Prima di eseguire l'estrazione, è bene lavarsi le mani in modo da evitare contaminazioni, e una volta azionata la pompa del tiralatte, si deve aspettare qualche minuto prima di vere scorrere il latte. Il biberon non va mai riempito fino all'orlo, e tutti i contenitori che dovranno raccogliere il latte per la conservazione dovranno essere sterili. I migliori - li trovate in farmacia - sono in plastica o in vetro. Il latte materno si conserva bene in frigorifero per circa 24 ore, mantenendo intatte tutte le sue straordinarie proprietà nutritive.

Quindi, se l'idea è quella di consumare in giornata quel latte, va benissimo tenerlo solo in frigo. Tuttavia, se la mamma vuole invece farsi una bella scorta che duri nel tempo e che sia messa a disposizione di chi poi si occuperà di dare il biberon al bambino quando lei sia assente, è meglio congelare il latte. Applicate le targhette con la data su ogni contenitore e riponetelo nel freezer o nel congelatore a pozzetto se ne avete uno. Il latte si conserverà fino 3-6 mesi, ma una volta scongelato va consumato entro le 24 ore prima che si deteriori.

Foto| via Pinterest

  • shares
  • Mail