Seguici su

Gravidanza

Parto indotto: cosa significa e come funziona?

L’induzione al parto si rende necessaria quando il bambino tardi a nascere nonostante siano scadute le 40-42 settimane di gravidanza, o quando esistano rischi per la salute di bebè e mamma. Vediamo come si procede

Il parto indotto è un parto vaginale che viene “stimolato” quando siano trascorse più delle 40 settimane di gravidanza fisiologiche e il bambino non dimostri alcuna voglia di venire al mondo.

Per la precisione, se dopo due settimane dopo la presunta data di nascita del bambino non si verifica nessuno dei segali premonitori del parto imminente, allora si procede all’induzione. Non è, però, solo il ritardo del bambino a venire alla luce che può rendere necessario questo protocollo collaudato, ma anche possibili rischi per la salute di mamma e bebè.

Ad esempio, in caso di preeclampsia o di diabete materni, si può anticipare il parto naturale per evitare che il feto aumenti troppo di dimensioni nelle ultime settimane di gestazione. Il parto indotto è, quindi, anche un’alternativa, seppur più laboriosa per la madre, al taglio cesareo. Come avviene l’induzione?

In assenza di complicazioni, si comincia gradualmente con delle manovre manuali effettuare dalle ostetriche, aventi lo scopo di stimolare le membrane uterine attivando la produzione di prostaglandine, a loro volta responsabili di indurre le contrazioni.

Se questa prima manovra non sortisce effetto entro mezzora, allora si procede all’inserimento in vagina (attraverso una siringa), di un gel a base di prostaglandine sintetiche. La somministrazione viene ripetuta fino ad un massimo di 4 volte ad una distanza di sei ore l’una dall’altra.

A questo punto, nel 90% dei casi la donna entra in travaglio (di solito dopo la seconda o la terza dose di prostaglandine). Tuttavia, esistono elle eccezioni, e in questi casi si induce il parto in modo diverso. Entra in gioco l’ossitocina, il cosiddetto ormone “dell’amore”, che stavolta serve per accelerare i tempi del travaglio.

Viene somministrata per infusione endovenosa e la flebo non viene staccata neppure durante e dopo il parto per favorire le contrazioni uterine del travaglio e successive (che permettono l’espulsione della placenta).

Purtroppo, il parto indotto non è una pratica piacevole per la donna che sia costretta a ricorrevi. Le contrazioni sono molto più ravvicinate e dolorose, e le manovre manuali sono fastidiose. Se, poi, l’induzione alla fine non dovesse avare successo, in genere si procede, come extrema ratio, al taglio cesareo.
Foto| via Pinterest

Leggi anche

ragazza universitaria ragazza universitaria
Scuola2 giorni ago

Come affrontare il trasferimento in una nuova scuola

In questo articolo forniremo qualche consiglio per affrontare al meglio il trasferimento in una nuova scuola. Affrontare il trasferimento in...

bambino studia matematica bambino studia matematica
Scuola4 giorni ago

Affrontare le difficoltà in matematica: consigli per i genitori

In questo articolo, forniremo alcuni consigli utili per aiutare i genitori ad affrontare le difficoltà in matematica dei loro figli....

bambini che giocano a calcio bambini che giocano a calcio
Scuola6 giorni ago

La gestione dell’orario extra scolastico: attività e riposo

In questo articolo, esploreremo l’importanza di una gestione equilibrata dell’orario extra scolastico. La gestione dell’orario extra scolastico è un aspetto...

Mamma e figlio che fanno i compiti a casa Mamma e figlio che fanno i compiti a casa
Scuola1 settimana ago

Strategie per affrontare la scuola a casa: homeschooling

In questo articolo, esploreremo alcune strategie per affrontare al meglio questa sfida. Negli ultimi anni, l’istruzione a domicilio, conosciuta anche...

bambini a scuola che litigano bambini a scuola che litigano
Scuola2 settimane ago

Strategie per gestire i conflitti tra fratelli sulla scuola

Gestire i conflitti tra fratelli sulla scuola può essere una sfida per molti genitori. Ecco qualche consiglio. I conflitti tra...

bambini, squadra bambini, squadra
Scuola2 settimane ago

Insegnare ai bambini l’importanza del lavoro di squadra

In questo articolo esploreremo l’importanza del gioco di squadra. Insegnare ai bambini l’importanza del lavoro di squadra è un aspetto...

Comunicazione tra genitori e scuola Comunicazione tra genitori e scuola
Scuola2 settimane ago

Preparazione per i colloqui scolastici: consigli per i bambini

La preparazione per i colloqui scolastici è un processo importante per i bambini. Ecco qualche consiglio. I colloqui scolastici sono...

ragazza legge un libro ragazza legge un libro
Scuola3 settimane ago

Consigli per mantenere l’equilibrio tra scuola e hobby

Ecco qualche consiglio per mantenere un equilibrio sano tra scuola e hobby. Mantenere un equilibrio tra scuola e hobby può...

alunni e professore realizzano un progetto pratico alunni e professore realizzano un progetto pratico
Scuola3 settimane ago

Il valore dell’apprendimento pratico: progetti e attività

In questo articolo esploreremo il valore dell’apprendimento pratico, alcuni esempi e le sfide da affrontare. L’apprendimento pratico è un’importante componente...

mani che tengono la Terra mani che tengono la Terra
Scuola3 settimane ago

Integrare l’educazione ambientale nella vita quotidiana

In questo articolo, esploreremo diverse strategie per incorporare l’educazione ambientale nella nostra routine quotidiana. L’educazione ambientale è diventata sempre più...

bambino che disegna bambino che disegna
Scuola4 settimane ago

Strategie per incoraggiare la creatività nei bambini

In questo articolo, esploreremo alcune strategie efficaci per stimolare la creatività nei bambini. La creatività è una delle abilità più...

bambino in difficoltà mentre studia bambino in difficoltà mentre studia
Scuola4 settimane ago

Prevenire l’esaurimento scolastico nei bambini

In questo articolo esploreremo alcune strategie per prevenire l’esaurimento scolastico nei bambini. L’esaurimento scolastico è un problema che affligge molti...