Seguici su

Cronaca

Lavoro domestico e maternità: cosa prevede la legge per colf e badanti

Le lavoratrici dipendenti che svolgano la professione di colf e di badanti in caso di maternità hanno diritto, per legge, al congedo obbligatorio per 5 mesi all’80% della retribuzione media

[blogo-video provider_video_id=”oAvUaaKaKlY” provider=”youtube” title=”Invio on line delle domande di indennità di maternità delle lavoratrici autonome” thumb=”” url=”http://www.youtube.com/watch?v=oAvUaaKaKlY”]

Colf e badanti, ovvero le lavoratrici dipendenti che svolgano una professione in ambito domestico, sono tutelate dalla legge in caso di gravidanza e pertanto non solo non possono essere licenziate (tranne che per cosiddetta “giusta causa”), ma godono anche dei diritto (che è anche un dovere) di congedo di maternità retribuito.

Questo periodo di tempo di astensione obbligatoria dal lavoro è pari a 5 mesi da distribuirsi in questo modo: 2 prima del parto e tre dopo, oppure (se il medico certifichi che non esistono complicazioni o problemi per la salute di mamme feto) 1 prima della data presunta del parto e 4 mesi dopo (congedo obbligatorio flessibile).

Ad ogni modo, i 5 mesi in cui non lavora per dedicarsi al bambino, la lavoratrice domestica, colf o badante, ha diritto a ricevere una indennità di maternità dall’INPS pari all’80% della retribuzione media calcolata in base all’ultimo stipendio ricevuto dal datore di lavoro.

Il requisito per ottenere l’indennità è quello di aver accumulato, nei due anni precedenti, 52 settimane di lavoro, e nello specifico 26 settimane di lavoro prima della domanda di congedo obbligatorio (per 24 ore di lavoro settimanale medio).

Come anticipato, l’indennità di maternità non spetta al datore di lavoro, che però è tenuto, naturalmente, a continuare a pagare alla sua dipendente i contributi, ma all’INPS, ed è comprensiva degli eventuali scatti di anzianità e di tredicesima. Come e quando presentare la domanda?

Prima dell’inizio del congedo e quindi entro il settimo mese di gravidanza, la lavoratrice deve presentare al proprio datore di lavoro e all’INPS il modulo compilato modello MAT SR01 scaricabile direttamente dal sito web dell’Istituto di Previdenza Sociale, corredato di certificato medico che attesta lo stato di gravidanza e la data presunta del parto.

Inoltre, bisogna poi presentare il certificato di nascita del bambino entro i 30 giorni dal parto o l’autocertificazione sostitutiva da presentare sia all’INPS che al datore di lavoro. Presentando la domanda si fa partire subito l’iter per la richiesta di indennità.

Sempre sul sito dell’INPS, la colf o la badante in dolce attesa possono scaricare un altro modulo – MV10 – che servirà dopo la nascita del bambino per usufruire delle detrazioni fiscali per lavoratrici con figli a carico e la eventuale richiesta degli assegni familiari. La lavoratrice può, eventualmente, riprendere prima il lavoro in caso di aborto prima del 180mo giorno di gravidanza o di morte del neonato come stabilito dal decreto legge integrativo del 2011.

Leggi anche

bambino che scrive su un calendario e impara l'organizzazione del tempo bambino che scrive su un calendario e impara l'organizzazione del tempo
Scuola1 giorno ago

Insegnare ai bambini a organizzare il loro tempo di studio

In questo articolo, esploreremo alcune strategie efficaci per insegnare ai bambini a organizzare il loro tempo di studio. Insegnare ai...

viaggio in famiglia, aeroporto viaggio in famiglia, aeroporto
Gite e viaggi1 giorno ago

Come viaggiare con i bambini in Europa e creare ricordi indimenticabili

Viaggiare con i bambini in Europa può essere un’esperienza emozionante e coinvolgente per tutta la famiglia. Secondo una ricerca, oltre...

ragazza universitaria ragazza universitaria
Scuola4 giorni ago

Come affrontare il trasferimento in una nuova scuola

In questo articolo forniremo qualche consiglio per affrontare al meglio il trasferimento in una nuova scuola. Affrontare il trasferimento in...

bambino studia matematica bambino studia matematica
Scuola6 giorni ago

Affrontare le difficoltà in matematica: consigli per i genitori

In questo articolo, forniremo alcuni consigli utili per aiutare i genitori ad affrontare le difficoltà in matematica dei loro figli....

bambini che giocano a calcio bambini che giocano a calcio
Scuola1 settimana ago

La gestione dell’orario extra scolastico: attività e riposo

In questo articolo, esploreremo l’importanza di una gestione equilibrata dell’orario extra scolastico. La gestione dell’orario extra scolastico è un aspetto...

Mamma e figlio che fanno i compiti a casa Mamma e figlio che fanno i compiti a casa
Scuola2 settimane ago

Strategie per affrontare la scuola a casa: homeschooling

In questo articolo, esploreremo alcune strategie per affrontare al meglio questa sfida. Negli ultimi anni, l’istruzione a domicilio, conosciuta anche...

bambini a scuola che litigano bambini a scuola che litigano
Scuola2 settimane ago

Strategie per gestire i conflitti tra fratelli sulla scuola

Gestire i conflitti tra fratelli sulla scuola può essere una sfida per molti genitori. Ecco qualche consiglio. I conflitti tra...

bambini, squadra bambini, squadra
Scuola2 settimane ago

Insegnare ai bambini l’importanza del lavoro di squadra

In questo articolo esploreremo l’importanza del gioco di squadra. Insegnare ai bambini l’importanza del lavoro di squadra è un aspetto...

Comunicazione tra genitori e scuola Comunicazione tra genitori e scuola
Scuola3 settimane ago

Preparazione per i colloqui scolastici: consigli per i bambini

La preparazione per i colloqui scolastici è un processo importante per i bambini. Ecco qualche consiglio. I colloqui scolastici sono...

ragazza legge un libro ragazza legge un libro
Scuola3 settimane ago

Consigli per mantenere l’equilibrio tra scuola e hobby

Ecco qualche consiglio per mantenere un equilibrio sano tra scuola e hobby. Mantenere un equilibrio tra scuola e hobby può...

alunni e professore realizzano un progetto pratico alunni e professore realizzano un progetto pratico
Scuola3 settimane ago

Il valore dell’apprendimento pratico: progetti e attività

In questo articolo esploreremo il valore dell’apprendimento pratico, alcuni esempi e le sfide da affrontare. L’apprendimento pratico è un’importante componente...

mani che tengono la Terra mani che tengono la Terra
Scuola4 settimane ago

Integrare l’educazione ambientale nella vita quotidiana

In questo articolo, esploreremo diverse strategie per incorporare l’educazione ambientale nella nostra routine quotidiana. L’educazione ambientale è diventata sempre più...