Steatosi epatica acuta in gravidanza: la dieta e la cura da seguire

La sindrome da steatosi epatica acuta - fegato grasso - in gravidanza è una condizione potenzialmente pericolosa per la salute di mamma e feto. Vediamo come riconoscerla e curarla

La steatosi epatica, comunemente definita come “fegato grasso”, di per sé non è una condizione pericolosa, anzi, in genere è del tutto asintomatica.

Si verifica quando il fegato, l’organo-ghiandola più grande del nostro corpo, preposto al metabolismo di molte sostanze alimentari e allo smaltimento delle tossine, si ricopre di materiale lipidico, ovvero di uno strato di grasso (soprattutto colesterolo e trigliceridi) che non viene metabolizzato, e che può rallentare l’attività epatica.
FRANCE-MATERNITY-DELIVERY
In condizioni normali, una volta scoperta, la steatosi epatica va tenuta sotto controllo con la dieta e uno stile di vita salutare, ma in gravidanza questa condizione può avere dei risvolti pericolosi.

La steatosi epatica acuta (AFLP), che si verifica più facilmente in fase avanzata della gravidanza, è una infiammazione che può mettere a rischio la salute di mamma e feto, e che pertanto va diagnosticata e trattata il prima possibile. Quali sono i sintomi dell’AFLP? Ecco i segnali che devono preoccupare la futura mamma:


  • Nausea e vomito improvvisi (in una fase non precoce della gravidanza)
  • Dolore addominale localizzato nel quadrante superiore destro (dove si trova il fegato)
  • Ittero (colorazione giallastra della pelle dovuta ad un accumulo di bilirubina nel sangue)
  • Mal di testa
  • Malessere generalizzato
  • Senso di confusione mentale

La steatosi epatica acuta inficia l’attività epatica e anche quella renale, con conseguenze potenzialmente gravi come infezioni ed emorragie, e quindi con il rischio concreto di un parto pretermine e rischi per l'incolumità di madre e feto. Insomma, bisogna intervenire subito.

La steatosi epatica acuta andrebbe tratta con farmaci, pertanto, se la gravidanza è arrivata abbastanza avanti, si può procedere ad un cesareo per far nascere il bambino in sicurezza a permettere alla mamma di curarsi. Tuttavia, a volte anticipare il parto non è ancora possibile, e in questi casi la futura mamma va tenuta sotto controllo fino al momento di poter eseguire l’intervento.

La dieta sarà priva di grassi, a base di carboidrati, frutta e verdura e proteine magre. Se la malattia viene riconosciuta e trattata subito, non lascia alcuno strascico e la donna può affrontare serenamente un’altra gravidanza. Va detto che le cause della AFLP non sono note, anche se vi è sicuramente una componente genetica, e si tratta di una complicanza moto rara, per fortuna, nel nostro Paese.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail