Sindrome dell'emolisi in gravidanza: i sintomi della preeclampsia

La sindrome dell'emolisi è una complicanza che in gravidanza può portare all'eclampsia, una condizione che può mettere a rischio la vita di mamma e feto. Vediamo i sintomi

La sindrome dell'emolisi in gravidanza è una particolare forma di preeclampsia, una complicanza che se non trattata adeguatamente può condurre ad esiti drammatici.

Questa sindrome, identificata dalla sigla HELLP (Hemolisis Helevated Enzymes Liver e Low Platelet count), venne identificata nel 1982, come complicanza (per fortuna abbastanza rara), che insorge nel terzo trimestre di gestazione o, nel 27% dei casi, entro la 27ma settimana, soprattutto in donne già soggette a preeclampsia, quindi con ipertensione e elevati livelli di albumina nella urine.
Emolisi-gravidanza
Si manifesta con la comparsa di una serie di anomalie legate alla circolazione e alla coagulazione del sangue tra cui:


  • Emolisi (anemia emolitica microangiopatica): i globuli rossi materni vengono prodotti non interi ma frammentati, cosa che danneggia i vasi e provoca un accumulo di fibrina, sostanza che serve alla coagulazione del sangue


  • Innalzamento degli enzimi epatici: questo fenomeno è proprio legato alla ostruzione di vasi epatici provocata dagli accumuli di fibrina. Seguono emorragie e formazione di ematomi nel fegato e possibile distruzione dello stesso
  • Trombocitopenia: distruzione delle piastrine del sangue

Come facilmente intuibile, la sindrome HELLP è molto seria, e va trattata subito per evitare danni a madre e feto, e pertanto è bene conoscerne i sintomi in modo da poterli riferire al proprio ginecologo e intervenire tempestivamente. Ecco i principali:


  • Dolore epigastrico acuto con tensione della parete addominale (in corrispondenza del fegato)
  • Nausea e vomito
  • Malessere generale
  • Cefalea
  • Ipertensione
  • Ittero o subittero (colorazione giallastra della pelle)
  • Dispnea (respirazione difficoltosa)
  • Scotomi (riduzione della capacità visiva)

Le analisi delle urine evidenzieranno, inoltre, proteinuria (presenza di proteine), mentre i valori ematici da considerare inizialmente (che sono segnale di sindrome emolitica), sono:

Talvolta, la sindrome dell'emolisi in gravidanza si associa a fegato grasso acuto (steatosi epatica), sindrome emolitico uremica e porpora trombotica trombocitopenica. Si tratta di condizioni pericolose per l'incolumità materna e il buon esito della gravidanza, che prevedono il ricovero in ospedale e e un attento monitoraggio della situazione. Una adeguata terapia conservativa permette alla gestante di proseguire la gravidanza fino al parto senza conseguenze.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Foto| via Pinterest

  • shares
  • Mail