I sintomi della febbre reumatica nei bambini e le cure più efficaci

La febbre reumatica nei bambini è una complicanza provocata da una infezione da Streptococco non curata. Vediamo i sintomi e come intervenire

La febbre reumatica, sintomi di una infiammazione delle articolazioni (artrite), nei bambini è in genere originata da un'infezione da Streptococco beta-emolitico di tipo A, ovvero quel bacillo responsabile di provocare le più comuni affezioni alla gola e alle prime vie respiratorie.

Quando l'infezione primaria da Streptococco non viene diagnosticata e quindi curata con gli antibiotici adeguati e debellare il germe, quest'ultimo, spesso in modo asintomatico, può provocare malattie diverse rispetto a quella originaria.
Febbre-reumatica-bambini

Migrando in altri distretti del corpo, lo Streptococco può quindi innescare una infiammazione sistemica acuta chiamata malattia reumatica, o febbre reumatica, o reumatismo articolare acuto. Non solo le articolazioni sono interessate da questa infiammazione, ma anche il cuore, la pelle e il sistema nervoso.

In realtà ad estendere a aggravare l'infiammazione, ci pensa il sistema immunitario stesso del bambino, che a contatto con il microrganismo patogeno finisce per innescare una reazione autoimmune contro gli organi e i tessuti sani del corpo perché gli anticorpi vengono "ingannati" dal batterio. I sintomi della febbre reumatica si manifestano entro 5 settimane dal contagio, e sono i seguenti:


  • Artrite, con flogosi doloroso delle articolazioni - soprattutto ginocchia e caviglie - che diventano gonfie, cade e arrossate
  • Nelle zone articolari, sottocute, si formano anche dei piccoli noduli arrossati
  • Comparsa di un eritema sul torace e sugli arti
  • Febbre
  • Mal di pancia
  • Malessere generale e debolezza
  • Corea (movimenti involontari del viso e della mani)

Questi sintomi devono certo allarmare i genitori, e spingere ad un controllo medico accurato. La diagnosi di malattia reumatica da Streptococco si effettua innanzi tutto attraverso una visita diretta del piccolo paziente volta a riscontrare i diversi sintomi, e successivamente la conferma giunge attraverso esami di laboratorio (rilevazione dei valori ematici di VES, Proteina C reattiva e TAS e tampone orofaringeo), ed elettrocardiogramma per evidenziare l'infiammazione del cuore (cardite).

La terapia per questa particolare malattia infettiva con complicanza autoimmune consta nella somministrazione di antinfiammatori anche cortisonici, e soprattutto in una profilassi antibiotica nati-streptococchica da proseguirsi per un periodo lungo di tempo. Dopo la prima terapia d'urto, infatti, è bene continuare a iniettare per via intramuscolare una dose di antibiotico (in genere penicillina) una volta al mese, per prevenire eventuali recidive (facili quando entra in gioco lo Streptococco).

A seconda della gravità della malattia, questa terapia antibiotica preventiva potrà essere proseguita anche per tutta la vita del paziente, e come minimo per 5 anni dopo l'attacco. Inoltre, se l'infiammazione al cuore è stata severa, il bambino dovrà sottoporsi a costanti controlli cardiologici e assumere antibiotici prima di qualunque intervento ai denti.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Foto| via Pinterest

  • shares
  • Mail