Epatite virale in gravidanza: i sintomi e i rischi per il feto

Le epatiti virali in gravidanza sono più comuni di quanto non si pensi. Vediamo le più rischiose per il feto e come si manifestano

L'epatite virale è una infiammazione del fegato provocata dall'azione patogena di diverse famiglie di virus, di cui i più comuni sono identificati dalle lettere dell'alfabeto A, B e C.

Si tratta di infezioni che si contagiano in modi diversi, ad esempio l'epatite A (che è la meno pericolosa), si contrae attraverso l'alimentazione (cibi o liquidi infetti), e provoca sintomi abbastanza evidenti tra cui ittero (colorazione giallastra di pelle e sclere) e disturbi gastrointestinali, mentre le epatiti B e C ( HBV e HCV), si trasmettono attraverso rapporti sessuali non protetti e scambio di sangue infetto.
Epatiti-virali-gravidanza

Ad ogni modo, l'epatite virale davvero pericolosa in gravidanza per il feto, è l'epatite B, perché la A (HAV) difficilmente arriva al bambino anche se contratta al termine della gestazione, e non prevede la somministrazione di immunoglobuline per evitare il contagio. L'epatite B, invece, dal momento che è anche una delle più diffuse e spesso del tutto sintomatica, va diagnosticata e tenuta a bada in gravidanza perché esiste un altissimo rischio di contagio per il feto, che potrebbe contrarre l'infezione a sua volta.

Dal momento che questa infezione epatica si cura con farmaci antivirali che però sono nocivi per il feto, le terapia da seguire sarà la immediata vaccinazione materna e la somministrazione di immunoglobuline. C'è da dire che le mamme giovani sono decisamente meno a rischio, perché il vaccino anti epatite B è obbligatorio dai primi anni novanta per tutti i neonati e (ai tempi) per gli under 12, cosa ha creato una intera generazione di giovani adulti immunizzati dal virus.

L'epatite C è ugualmente diffusa, e ugualmente grave (perché se trascurata alla lunga può provocare la cirrosi epatica), ma molto meno pericolosa per il feto, dal momento che il rischio di trasmissione è minimo (4-5%) e concentrato nella fase del parto.

Alla madre infetta vengono quindi somministrate le immunoglobuline per evitare il rischio di trasmissione anche con un parto normale. Difficilmente le epatiti C e B danno sintomi, e nel caso sono molto sfumati, come una certa spossatezza, una colorazione della pelle lievemente più giallastra (ma è un sintomo raro), nausea e difficoltà di digestione (disturbi facilmente scambiabili con quelli normali della gravidanza).

Per questa ragione è sempre consigliabile che una donna incinta o che stia programmando una gravidanza si sottoponga al test per scoprire se abbia contratto un virus dell'epatite ed eventualmente, e nel caso si curi o si immunizzi. Un discorso a parte va fatto per una forma di epatite virale molo rara ma pericolosissima, l'epatite E (HEV).

Questa infezione è simile alla A per il tipo di trasmissione (via oro-fecale con alimenti e acqua infette), ma si manifesta facilmente in forma acuta e mai cronica (con ittero e forte malessere generale), e nelle donne incinte al secondo e terzo trimestre può pesino portare alla morte. E' una patologia diffusa soprattutto in Africa e in Oriente, e per la quale ancora non esiste un vaccino, ma solo una possibile terapia con gammaglobuline.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Foto| via Pinterest

  • shares
  • Mail