Sonnolenza in gravidanza: 5 rimedi naturali per combatterla

Nella prima fase della gravidanza uno dei sintomi comuni è il senso di spossatezza, che si accompagna, sovente, alla sonnolenza. Come combatterle efficacemente? Vediamo qualche consiglio



Tra i primi sintomi della gravidanza ci sono anche una grande stanchezza e sonnolenza, che si manifestano soprattutto durante il primo trimestre.

Il corpo femminile, infatti, deve abituarsi ai tanti cambiamenti a cui sta andando incontro, e le funzioni biologiche moltiplicate che si innescano immediatamente dopo il concepimento necessitano di notevole dispendio energetico per compiersi.
Sonnolenza-gravidanza-rimedi

Inoltre, l'improvviso innalzamento di alcuni ormoni nel sangue materno, soprattutto progesterone, prolattina ed estrogeni, è ugualmente un fattore che spossa l'organismo. E', quindi, tutta una questione di primo adattamento alla gravidanza, in cui il corpo della donna cerca di preservare le energie aumentando il riposo, e quindi il sonno.

Ma una donna incinta che comunque debba svolgere un lavoro e seguire tante mansioni ogni giorno, come fa a combattere questo senso di stanchezza e ritrovare sprint e vitalità in modo naturale? I ginecologici in linea di massima consigliano di non contrastare troppo la sonnolenza dei primi tempi, e, anzi, di assecondarla, schiacciando qualche pisolino quando proprio gli occhi si chiudono, e puntando la sveglia un po' più tardi al mattino, se possibile.

Per il resto, aumentare i livelli di energia è certo possibile anche in gravidanza senza ricorrere a sostanze eccitanti (ad esempio troppi caffè o cole) che non sono consigliabili. Ecco 5 rimedi facili per ridurre il senso di sonnolenza e combattere la stanchezza.


  1. Integratori a base di vitamine del gruppo B (come il lievito di birra), in caso di carenze nutrizionali e anemia che aumentano stanchezza e sonnolenza (rigorosamente dietro controllo medico)


  2. Integratori a base di magnesio e potassio (utili soprattutto in estate, quando a causa del sudore e del caldo si perdono molti minerali con conseguente indebolimento), sempre da assumersi dietro controllo medico
  3. Integratori a base di polline o pappa reale (energizzanti), con moderazione per evitare di aumentare troppo di peso
  4. Rimedi omeopatici: Ingnatia amara, Sepia e Pulsatilla alla 5-6 CH
  5. Tè rosso Rooibos: è ricco di sostanze mineralizzanti e antiossidanti, proteine e vitamina C, ma è privo di teina. Se ne possono bere più tazze al giorno, all'occorrenza, senza effetti negativi e senza interferire con il riposo notturno


    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Foto| via Pinterest

  • shares
  • Mail