Ansia nell'adolescenza: perchè non ignorare i segnali

L'adolescenza è un periodo delicato per ragazzi e ragazze, soprattutto se molto sensibili ed emotivi. L'ansia nel teenager è in parte normale, ma non va mai sottovalutata, vediamo perché

Secondo le statistiche scientifiche, sembra che il 20% dei disturbi d'ansia dell'adulto abbia origine nell'adolescenza, periodo di passaggio estremamente delicato soprattutto dal punto di vista psichico ed emotivo.

Ci sono delle ragioni fisiologiche al manifestarsi di stati ansiosi e disturbi dell'umore nell'adolescente, che non sono patologiche perché semplicemente fanno parte del processo naturale di sviluppo.
Ansia-adolescenza
Ad esempio, il ragazzo che affronti in contemporanea grandi cambiamenti fisici e al contempo si trovi a volersi separare dai genitori per la prima volta, da cui comincia a prendere le distanze per raggiungere un maggiore grado di autonomia, spesso vive questi passaggi con disagio e paura. Anche le prime pulsioni sessuali e affettive, i timori di non essere all'altezza delle aspettative degli adulti, l'insorgere di complessi sull'aspetto fisico o sulle capacità intellettive, sono altrettanti fattori ansiogeni.

In molti casi, poi, l'adolescente attraversa una fase in cui teme per la salute propria o quella dei genitori, ad esempio si convince di avere qualche grave malattia, oppure che i suoi cari siano in pericolo di vita. Sono paure immaginarie ma percepite come reali, e pertanto in grado di provocare i tipici sintomi dell'ansia, tra cui tachicardia, tremori, sudore freddo, crampi allo stomaco con nausea e vomito.

Il ragazzo (così come il bambino) ansioso è in perenne stato di allarme, e questa sua condizione può finire per bloccarlo. Inoltre, se trascurata, l'ansia può degenerare in ossessioni e manie (ad esempio la sindrome ossessivo-compulsiva può insorgere in questi anni cruciali), o in disturbi dell'alimentazione legati al controllo.

Anoressia e bulimia nervosa sono patologie molto serie, ma spesso nascono semplicemente dall'incapacità dall'adolescente di accettare i cambiamenti fisici del proprio corpo e dal desiderio di restare bambini (nel caso dell'anoressia, ad esempio). Cosa deve fare un genitore per aiutare il proprio figlio quando si accorga che la sua ansia appare eccessiva?

I segnali sono chiari: tendenza all'isolamento, manifestazioni fisiche come quelle che abbiano anticipato che si presentino in modo ricorrente, attacchi di panico, tristezza e pensieri ossessivi. In presenza di siffatta sintomatologia è bene correre ai ripari, innanzi tutto parlando con l'adolescente, facendolo sentire al sicuro, cercando di aiutarlo a recuperare la propria autostima (in genere molto bassa nei teenagers ansiosi).

Fare sport e frequentare i coetanei allacciando amicizie importanti è una buona cosa, ma talvolta è necessario l'intervento di uno specialista. Non c'è nulla di cui vergognarsi se il proprio figlio ha bisogno di affrontare un percorso psicoterapeutico per superare le sue anse e le sue fobie, perché significa solo che è particolarmente sensibile, e che probabilmente superati i suoi blocchi, diventerà un adulto molto più consapevole e forte, ma soprattutto più empatico nei confronti degli altri.

L'adolescenza è un periodo carico di stress (sia positivo che negativo), ed è normale viverlo con qualche angoscia, ma con l'aiuto giusto e tanto amore e supporto da parte dei genitori, anche i ragazzi più ansiosi sono in grado di superare le fasi più problematiche alla grande.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Foto| via Pinterest

  • shares
  • Mail