Coppie idonee all'adozione internazionale: i requisiti richiesti

Quali sono i requisiti richiesti ad una coppia che voglia rendersi disponibile all'adozione internazionale? Scopriamo cosa dice la legge

Adottare un bambino è senza dubbio un meraviglioso atto d'amore da parte di una coppia, con o senza figli propri, e lo è ancora di più quando si decide di prendersi cura di un bambino nato in tutt'altra parte del mondo, magari già grandicello. Ma quali sono i requisiti necessari per potersi rendere disponibili all'adozione internazionale?

I coniugi che desiderino allargare la propria famiglia aprendo le porte delle loro case - e del loro cuore, soprattutto - a bimbi provenienti da nazioni e continenti lontani dal proprio, in questo caso dall'Italia, sono tantissimi, ma come poter esaudire il loro desiderio?
Adozione-internazionale
Per essere considerati idonei , gli aspiranti genitori devono essere in possesso di alcune caratteristiche che sono più o meno le stesse richieste per le adozioni nazionali. Tra questi:


  • L'essere sposati civilmente da almeno 3 anni, o conviventi da 3 anni con il progetto di unirsi in matrimonio a breve
  • La convivenza deve essere armoniosa, la coppia unita e non ci devono essere state separazioni nei tre anni che precedono la richiesta di adozione
  • Marito e moglie non devono aver avuto precedenti penali, requisito esteso anche al resto della famiglia di origine di entrambi i coniugi
  • La differenza di età massima tra entrambi, o almeno uno dei genitori e il minore non deve superare i 45 anni. Nello specifico, se uno dei due coniugi ha 47 anni quando adotta un bambino di 2 anni, l'altro non può averne più di 55 (max 10 anni in più rispetto al limite massimo, ma solo per uno dei due)
  • La differenza di età minima è, invece, di 18 anni
  • Non ci devono essere discrepanze nel progetto educativo per il bambino da adottare
  • Non ci devono essere problemi di natura economica o sanitaria
  • L'ambiente che dovrà accogliere il bambino deve essere moralmente "sano"

La legge che disciplina la materia delicata delle adozioni, e dei requisiti di idoneità richiesti, è la 184/83 con modifica della legge 149/2001, e stabilisce, inoltre, che la coppia debba dimostrare di essere in grado di accogliere, educare e mantenere nel modo migliore il minore fino alla sua maggiore età e oltre, attraverso una serie di colloqui con assistenti sociali nominati dal Tribunale minorile presso il quale si è fatto richiesta di adozione.

I tempi possono essere molto lunghi, e talvolta, soprattutto nelle adozioni internazionali, anche i Governi locali possono mettersi di traverso, come è capitato di recente a diverse coppie in attesa di adottare dei bimbi del Congo. Ad ogni modo, una volta cominciato l'iter burocratico, non resta che aspettare armandosi di pazienza e... incrociare le dita!

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

foto| via Pinterest

  • shares
  • Mail