Autostima e preadolescenza: come far sentire i ragazzi sicuri di sé

Come aumentare l'autostima nei bambini insicuri durante la delicata fase della preadolescenza? Ecco qualche consiglio

I ragazzi e le ragazze nella delicata, critica fase della preadolescenza, sono spesso preda di complessi e insicurezze legate, naturalmente, alla "fatica" del crescere e del passare dall'età infantile a quella adulta.

Le nuove responsabilità che li attendono, sfide sempre maggiori in campo scolastico, sportivo, sociale da affrontare, le modifiche fisiche e psicologiche che provocano tanti dubbi e demoliscono certezze acquisite, sono tutte tappe che seppur esaltanti, comportano tante nuove difficoltà.
Autostima-e-preadolescenza

La pubertà, ad esempio, porta con sé uno sconvolgimento psico-fisico determinato dall'azione degli ormoni sessuali che inducono la maturazione di "genere", trasformando una bambina in una piccola donna fertile, e il ragazzino in un piccolo uomo in grado di concepire.

A scuola tutto diventa più complicato, si richiede di più al ragazzino dopo la fine della scuola primaria, e talvolta la competizione sul fronte intellettivo e del rendimento scolastico tra coetanei può essere faticosa da gestire. Se l'autostima del ragazzino si riduce al lumicino, però, è necessario intervenire affinché non si instaurino complessi e false credenze negative che possono provocare danni a lungo termine, rendendo l'adolescente troppo pauroso e fragile, inadatto ad affrontare le sfide dell'età adulta.

I genitori devono stare molto vicini ai loro figli nell'età della preadolescenza, osservandoli "da lontano", monitorando le tappe del loro sviluppo fisico e aiutandoli e comprenderne i cambiamenti, ma soprattutto cerando, con le lodi, i rinforzi e le rassicurazioni, un clima di positività e sicurezza intorno a loro.

Le ragazzine, spesso, si sentono "brutte", inadeguate rispetto alle coetanee o (peggio) ai modelli mediatici imperanti, e questo può esporle al rischio di sviluppare forme depressive o disturbi dell'alimentazione. Le mamme e i papà dovranno aiutarle e costruirsi una forte autostima sul fronte estetico, aiutandole a trovare il loro look ideale, spingendole a fare sport che promuoverà uno sviluppo fisico armonioso, fornendo loro (anche attraverso film e libri), esempi positivi di ragazzine della loro età che abbiano superato felicemente i propri complessi.

Un'alimentazione sana, inoltre, dovrebbe essere proposta innanzi tutto a casa, ne gioverà tutta la famiglia. Per quanto riguarda la scuola, poi, anche in questo caso non bisogna mai pretendere troppo, ma solo aiutare il ragazzo e la ragazza a trovare la propria strada, soprattutto nella scelta degli studi superiori, e spingerli, in modo costruttivo (quindi evitando tutti i giudizi negativi), a dare sempre il meglio di sé smontando false credenze di incapacità.

Amore, rispetto, giuste lodi e tanta pazienza sono le vie maestre per sorreggere i ragazzi nella preadolescenza a diventare grandi in modo sereno, sicuri di sé e positivi. Ricordate, poi, che da genitori dovete cominciare a dare voi l'esempio, mostrandovi a vostra volta amorevoli e sicuri di voi, perché l'autostima funziona a "specchio", ed è in grado di trasmettersi da genitore a figlio.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Foto| via Pinterest

  • shares
  • Mail