Bambini al sole e antibiotici: i rischi

Durante una cura con antibiotici è possibile portare i bambini al mare per fargli prendere un po' di sole? Vediamo i possibili rischi


Molto spesso accade che in estate i bambini, soprattutto se molto piccoli si ammalino e debbano seguire una cura a base di antibiotici.

Fermo restando che si tratta di medicinali di cui non bisogna mai abusare, che vanno somministrato solo ed esclusivamente se necessario dietro prescrizione medica (e non dati al bambino al minimo accenno di malessere formulando una diagnosi fai da te), per i giorni giusti, è altresì vero che per combattere diversi tipi di infezioni batteriche sono necessari.

VENEZUELA-TOURISM-LA TORTUGA ISLAND
In estate un bimbo malato, però, non è detto che stia male "davvero", o che lo stia durante tutta la fase della terapia. Talvolta un'otite, un cistite, un bronchite, un'infezione dentale e via discorrendo, dopo i primi giorni di cura cominciano a dare segni di miglioramento e i sintomi regrediscono anche se le medicine si devono continuare a prendere.

A volte, poi, le terapie antibiotiche sono alquanto lunghe - è il caso della profilassi per le infezioni urinarie, ad esempio - ma il bambino sta bene e può fare la sua vita normale, uscire di casa e giocare. In questi casi, soprattutto se siete in vacanza al mare (ma il discorso vale anche in montagna e persino in città), il dilemma sorge spontaneo: i bambini possono esporsi al sole senza rischi mentre assumono antibiotici, o esistono delle incompatibilità?

Il primo suggerimento valido è quello di consultare il medico e leggere attentamente il bugiardino alla voce effetti indesiderati e controindicazioni perché in genere è riportato se il medicinale dà fenomeni di fotosensibilizzazione . In linea di massima, vediamo quali sono le classi di antibiotici assunti dal


    bambino che possono dare problemi in caso di esposizione ai raggi solari:
  • Sulfamidici (Sulfametoxazolo, Sulfisoxazolo, Sulfadoxina eccetera)
  • Chinologici o Fluorochinologici (Ciprofloxacina, Levofloxacina, Moxifloxacina ecc.)
  • Cicline o Tetracicline (Clortetraciclina, Doxiciclina ecc.)

Le molecole di questi antibiotici possono dare reazioni avverse di fotosensibilizzazione o di fotoallergia. Nel primo caso, l’esposizione alla luce diretta del sole, provoca una irritazione cutanea con la formazione di macchie rosse o di bollicine (più raro), nel secondo caso il farmaco induce una reazione immunitaria che provoca orticaria sulle porzioni di pelle esposte al sole.
In questi casi si deve subito interrompere la terapia antibiotica, ma dal momento che questo invaliderebbe la cura, sarebbe meglio cercare di evitarlo. Quindi, in generale la cosa migliore è quella di valutare con il pediatra la scelta di antibiotici (se possibile) che non producano interazioni dannose con la luce solare soprattutto quando si va in vacanza o si sia in estate. Diversamente, tanta pazienza e stare all'ombra, le cure non durano all'infinito!

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail