Preadolescenza e genitori: le regole di mamma e papà restano valide?

Nell'età critica della preadolescenza i ragazzi possono mettere in discussione le regole di famiglia fino a quel momento accettate. I genitori come devono comportarsi per non perdere autorevolezza?

Torniamo a parlare di preadolescenza, quella fase della vita dei bambini che include l'ingresso nella pubertà. Sono anni cruciali per i piccoli di casa, in cui le modifiche del loro corpo vanno di pari passo con quelle della psiche e caratteriali.

Tra i 10-11 e i 14 anni, ragazzini e ragazzine preadolescenti diventano piccoli uomini e piccole donne, maturando i caratteri sessuali secondari, crescendo in altezza e sviluppando nuove capacità cognitive.
Preadolescenza-e-genitori

Sulla spinta ormonale i preadolescenti scoprono nuove sensazioni legate ai cambiamenti fisiologici, sperimentano i primi amori, intrecciano reazioni amicali importanti e... spesso e volentieri mettono in discussione le dinamiche familiari fino a quel momento pacificamente accettate e contestano le regole genitoriali.

Che fare? Ebbene, none site una soluzione univoca, un metodo valido sempre che serva i genitori per gestire al meglio la relazione con i loro figli preadolescenti maschi e femmine. Quello che, però, bisogna considerare, è che il percorso va affrontato insieme, con tatto e lungimiranza, ma soprattutto con complicità, perché il rapporto tra genitori e figli in questa fase può rinsaldarsi su basi nuove, più mature.

E' altresì vero che ragazzini e ragazzine attraversano durante la preadolescenza la cosiddetta fase della ribellione, che porta a trasgressioni e sfide all'autorità dei genitori.

Questo è normale, fa parte del fisiologico tentativo dei ragazzi di ritagliarsi un proprio spazio autonomo e di crearsi propri valori e credenze diverse da quelli familiari. Le regole che potevano esser valide per i bimbi, ora potrebbero perciò risultare inadeguate.

Ad esempio, è normale che ragazzini e ragazzine vogliano stare fuori, in giro con gli amici, più a lungo, e quindi i genitori potranno essere più elastici, soprattutto in vacanza, a proposito di orari di rientro, ma sempre con criterio e prudenza.

E' importante sapere chi sono le frequentazioni dei preadolescenti, e pertanto è utile anche invitare gli amici dei ragazzi in casa per conoscerli, sempre non dando l'impressione di volere essere invadenti. Meglio aprire le porte della propria abitazione e a mostrarsi accoglienti piuttosto che porre veti o dimostrarsi ostili e giudicanti.

Le regole sugli orari e sulla suddivisione dei compiti nella giornata dovranno essere modulate insieme ai ragazzi stessi, in modo de responsabilizzarli e farli sentire protagonisti della propria vita familiare.

Tra studio, aiuti in casa, attività extrascolastiche (sport, lezioni di musica o di altro genere), tempo dedicato alla navigazione su internet (moderata e soprattutto controllata), e alla tv, tutto dovrà essere calibrato in modo che i ragazzi non si sentano troppo liberi di fare ciò che vogliono, ma neppure "imbavagliati".

Lasciate che esprimano tutte le critiche che vogliono sulle regole familiari, ma poi spingeteli a formularne delle nuove che siano più aderenti alle loro esigenze, discutendone insieme. Dialogo e comunicazione sono senza dubbio le vie maestre per arrivare ad un buon compromesso. Imporsi, con i preadolescenti in piena fase di ribellione, potrebbe essere, infatti, del tutto controproducente.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Foto| via Pinterest

  • shares
  • Mail