Seguici su

Crescita

La fontanella del neonato, cos’è e quando si chiude?

Le fontanelle sono dei punti di incrocio tra le ossa craniche, e la più grande è quella anteriore. Vediamo come si presenta alla nascita e quando si chiude

La fontanella del neonato è una piccola apertura del suo cranio che si trova in coincidenza dell’ incontro delle diverse parti delle ossa craniche.

Si tratta do una zona “molle”, non saldata, che però nel corso dei primi 18 mesi di vita del bebè, man mano che il cervello si sviluppa e le ossa crescono e si rinforzano, si chiude normalmente.

Le fontanelle del neonato alla nascita, in realtà, sono diverse, e nello specifico:

  • La fontanella pterica o laterale anteriore
  • La fontanella asterica o laterale posteriore

Queste due fontanelle nei neonati a termine sono già chiuse, mentre nei nati ematuria possono trovarsi ancora aperte. La fontanella posteriore o lambdoidea, invece, che si trova nella parte posteriore del cranio, può essere ancora aperta dopo il parto ma è in genere molto piccola (circa mezzo centimetro) e si salda in circa due mesi.

Quando, però, si parla di fontanella del neonato, il riferimento è sempre a quella anteriore, di dimensioni maggiori delle altre, che può “spaventare” i neo genitori che temono di far del male al bambino sentendo questa parte della sua testolina così cedevole. Questa fontanella ha in genere le dimensioni di 2 cm x 2 cm e una forma allungata.

Le dimensioni di questa fontanella sono variabili da neonato e neonato (cosa che si può verificare dalla misurazione della circonferenza del cranio che si effettua dopo il parto), ma in genere queste differenze non hanno nessun significato.

Come anticipato, si tratta di tessuto cedevole, diciamo molle, ma non per questo poco resistente. Mamme e papà non devono temere di toccare il loro bambino in quel punto perché non ci sono rischi di lesioni al suo cervello. Quando si salda la fontanella anteriore?

In linea di massima tra i nove e i 18 mesi dalla nascita, ovvero nel periodo di tempo in cui i vari strati delle ossa craniche crescendo scorrono tra di loro e finiscono per creare un blocco unico. Durante la fase in cui a fontanella è ancora aperta, si può sentirla “pulsare”, ovvero si avverte il battito cardiaco, e proprio per questa ragione se il bambino piange tende a gonfiarsi, ma questo è del tutto normale e non deve preoccupare i genitori.

Nei bambini con grave carenza di vitamina D o affetti da rachitismo, la fontanella appare più grande di dimensioni e si chiude con molta più lentezza, ma si tratta ormai di casi molto rari. Ad ogni modo, basta fare i controlli pediatrici e stabilire eventuali terapie di integrazione di questa vitamina e di calcio.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Leggi anche

bambino che scrive su un calendario e impara l'organizzazione del tempo bambino che scrive su un calendario e impara l'organizzazione del tempo
Scuola1 giorno ago

Insegnare ai bambini a organizzare il loro tempo di studio

In questo articolo, esploreremo alcune strategie efficaci per insegnare ai bambini a organizzare il loro tempo di studio. Insegnare ai...

viaggio in famiglia, aeroporto viaggio in famiglia, aeroporto
Gite e viaggi1 giorno ago

Come viaggiare con i bambini in Europa e creare ricordi indimenticabili

Viaggiare con i bambini in Europa può essere un’esperienza emozionante e coinvolgente per tutta la famiglia. Secondo una ricerca, oltre...

ragazza universitaria ragazza universitaria
Scuola4 giorni ago

Come affrontare il trasferimento in una nuova scuola

In questo articolo forniremo qualche consiglio per affrontare al meglio il trasferimento in una nuova scuola. Affrontare il trasferimento in...

bambino studia matematica bambino studia matematica
Scuola6 giorni ago

Affrontare le difficoltà in matematica: consigli per i genitori

In questo articolo, forniremo alcuni consigli utili per aiutare i genitori ad affrontare le difficoltà in matematica dei loro figli....

bambini che giocano a calcio bambini che giocano a calcio
Scuola1 settimana ago

La gestione dell’orario extra scolastico: attività e riposo

In questo articolo, esploreremo l’importanza di una gestione equilibrata dell’orario extra scolastico. La gestione dell’orario extra scolastico è un aspetto...

Mamma e figlio che fanno i compiti a casa Mamma e figlio che fanno i compiti a casa
Scuola2 settimane ago

Strategie per affrontare la scuola a casa: homeschooling

In questo articolo, esploreremo alcune strategie per affrontare al meglio questa sfida. Negli ultimi anni, l’istruzione a domicilio, conosciuta anche...

bambini a scuola che litigano bambini a scuola che litigano
Scuola2 settimane ago

Strategie per gestire i conflitti tra fratelli sulla scuola

Gestire i conflitti tra fratelli sulla scuola può essere una sfida per molti genitori. Ecco qualche consiglio. I conflitti tra...

bambini, squadra bambini, squadra
Scuola2 settimane ago

Insegnare ai bambini l’importanza del lavoro di squadra

In questo articolo esploreremo l’importanza del gioco di squadra. Insegnare ai bambini l’importanza del lavoro di squadra è un aspetto...

Comunicazione tra genitori e scuola Comunicazione tra genitori e scuola
Scuola3 settimane ago

Preparazione per i colloqui scolastici: consigli per i bambini

La preparazione per i colloqui scolastici è un processo importante per i bambini. Ecco qualche consiglio. I colloqui scolastici sono...

ragazza legge un libro ragazza legge un libro
Scuola3 settimane ago

Consigli per mantenere l’equilibrio tra scuola e hobby

Ecco qualche consiglio per mantenere un equilibrio sano tra scuola e hobby. Mantenere un equilibrio tra scuola e hobby può...

alunni e professore realizzano un progetto pratico alunni e professore realizzano un progetto pratico
Scuola3 settimane ago

Il valore dell’apprendimento pratico: progetti e attività

In questo articolo esploreremo il valore dell’apprendimento pratico, alcuni esempi e le sfide da affrontare. L’apprendimento pratico è un’importante componente...

mani che tengono la Terra mani che tengono la Terra
Scuola4 settimane ago

Integrare l’educazione ambientale nella vita quotidiana

In questo articolo, esploreremo diverse strategie per incorporare l’educazione ambientale nella nostra routine quotidiana. L’educazione ambientale è diventata sempre più...