Seguici su

Crescita

Come interpretare il pianto del neonato e riconoscere i suoi bisogni

I neonati piangono spesso e non sempre per i neo genitori è facile capire quale sia la ragione. Vediamo come interpretare nel modo giusto il pianto del bebè con i consigli dei pediatri

I neonati piangono spesso e volentieri, perché proprio il pianto rappresenta il mezzo espressivo più immediato ed efficace a loro disposizione per comunicare i propri bisogni ai genitori.

Il bebè piange quando ha fame, quando ha bisogno di essere cambiato, quando ha freddo o caldo, quando ha le colichette gassose, quando gli sputano i primi dentini e sente la gengiva gonfia a dolente, piange quando si sente solo e abbandonato, piange per capriccio, per rabbia o per la voglia di essere preso in braccio.

Come si fa ad interpretare correttamente tutti questi diversi “messaggi” lanciati dal proprio bimbo appena nato? Esistono differenze nel suo pianto che ci aiutino a decodificarlo e agire nel modo giusto per dargli sollievo?

Se è vero che ogni bambino è diverso, e che mamme e papà con la pratica riescono a comprendere il suo “linguaggio segreto”, tuttavia può essere utile, per i primi tempi, avere qualche “dritta” dai pediatri, che ci aiutano ad accelerare i tempi nell’imparare a cogliere le sfumature che differenziano un pianto per fame da uno, ad esempio, di paura percependo le variazioni di timbro e di intensità. Ecco qualche suggerimento che arriva direttamente dal sito dell’Ospedale pediatrico Bambin Gesù di Roma:

  • Il pianto da fame. Comincia come un lamento, e poi via via si trasforma in un vero pianto-strillo ritmico ad alta intensità che si placa solo quando la mamma attacca al seno il bebè o gli offre il biberon
  • Pianto da dolore. Questo pianto è inizialmente forte e di lunga durata, intenso, ma poi si spegne in una fase di silenzio alternata a singhiozzi e piccole inspirazioni
  • Pianto da collera. In questo caso il pianto è simile a quello da fame ma ha una intensità inferiore e permane costante
  • Pianto da colichette gassose. E’ caratteristico. Il bambino piange sempre negli stessi orari (di pomeriggio o di sera, in genere), e non smette di farlo neppure se preso in braccio. Il pianto è accompagnato da movimenti di bracci a e gambe in tutte le direzioni e inarcamento della schiena. Per aiutarlo a stare meglio in questo caso sono ottimi i massaggi sul pancino
    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Fonte| Ospedalebambinogesù.it

Foto| via Pinterest

Leggi anche

Mamma e figlio che fanno i compiti a casa Mamma e figlio che fanno i compiti a casa
Scuola2 giorni ago

Strategie per affrontare la scuola a casa: homeschooling

In questo articolo, esploreremo alcune strategie per affrontare al meglio questa sfida. Negli ultimi anni, l’istruzione a domicilio, conosciuta anche...

bambini a scuola che litigano bambini a scuola che litigano
Scuola4 giorni ago

Strategie per gestire i conflitti tra fratelli sulla scuola

Gestire i conflitti tra fratelli sulla scuola può essere una sfida per molti genitori. Ecco qualche consiglio. I conflitti tra...

bambini, squadra bambini, squadra
Scuola1 settimana ago

Insegnare ai bambini l’importanza del lavoro di squadra

In questo articolo esploreremo l’importanza del gioco di squadra. Insegnare ai bambini l’importanza del lavoro di squadra è un aspetto...

Comunicazione tra genitori e scuola Comunicazione tra genitori e scuola
Scuola1 settimana ago

Preparazione per i colloqui scolastici: consigli per i bambini

La preparazione per i colloqui scolastici è un processo importante per i bambini. Ecco qualche consiglio. I colloqui scolastici sono...

ragazza legge un libro ragazza legge un libro
Scuola2 settimane ago

Consigli per mantenere l’equilibrio tra scuola e hobby

Ecco qualche consiglio per mantenere un equilibrio sano tra scuola e hobby. Mantenere un equilibrio tra scuola e hobby può...

alunni e professore realizzano un progetto pratico alunni e professore realizzano un progetto pratico
Scuola2 settimane ago

Il valore dell’apprendimento pratico: progetti e attività

In questo articolo esploreremo il valore dell’apprendimento pratico, alcuni esempi e le sfide da affrontare. L’apprendimento pratico è un’importante componente...

mani che tengono la Terra mani che tengono la Terra
Scuola2 settimane ago

Integrare l’educazione ambientale nella vita quotidiana

In questo articolo, esploreremo diverse strategie per incorporare l’educazione ambientale nella nostra routine quotidiana. L’educazione ambientale è diventata sempre più...

bambino che disegna bambino che disegna
Scuola3 settimane ago

Strategie per incoraggiare la creatività nei bambini

In questo articolo, esploreremo alcune strategie efficaci per stimolare la creatività nei bambini. La creatività è una delle abilità più...

bambino in difficoltà mentre studia bambino in difficoltà mentre studia
Scuola3 settimane ago

Prevenire l’esaurimento scolastico nei bambini

In questo articolo esploreremo alcune strategie per prevenire l’esaurimento scolastico nei bambini. L’esaurimento scolastico è un problema che affligge molti...

mamma abbraccia figlia adolescente mamma abbraccia figlia adolescente
Scuola3 settimane ago

Prepararsi per le gare scolastiche: incoraggiare i bambini

In questo articolo, esploreremo alcune strategie che possono aiutare i genitori a sostenere i propri figli nel processo di preparazione...

Mamma e figlio che fanno i compiti a casa Mamma e figlio che fanno i compiti a casa
Scuola4 settimane ago

La matematica a casa: rendere divertente l’apprendimento

Ecco qualche consiglio per rendere la matematica divertente e coinvolgente anche a casa. La matematica è spesso considerata una materia...

Bambina con occhiali da sole e orologio Bambina con occhiali da sole e orologio
Accessori4 settimane ago

Guida alla scelta dell’orologio perfetto per il tuo bambino: analogico o digitale?

Regalare un orologio a un bambino è un gesto ricco di significato, un vero e proprio passo verso la crescita....