Riflessi neonatali: cosa sono le abilità motorie?

I riflessi neonatali sono dei riflessi cosiddetti "arcaici" che i bambini possiedono già nell'utero e che anticipano lo sviluppo delle abilità motorie vere e proprie. Vediamo quali sono e quando scompaiono



I riflessi neonatali, anche definiti innati, o arcaici, sono delle abilità istintive di mera "sopravvivenza" che il neonato possiede fin dalla nascita, anzi, che sviluppa durante i nove mesi della gestazione.

Questo corredo di facoltà istintive, gesti e movimenti necessari per la sopravvivenza extra uterina e che preludono allo sviluppo delle abilità motorie volontarie successive, in molti casi si perdono nei primi mesi di vita, ma è importante che fin dai primi momenti dopo il parto tali riflessi neurologici si manifestino tutti.

Riflessi-neonatali

Ecco quali sono:


  • Il riflesso di respirazione


  • Riflesso di suzione (si manifesta già nel pancione, e spesso le ecografie mostrano il feto che si succhia il pollice)
  • Riflesso di deglutizione


  • Riflesso di prensione (il bebè tenta di afferrare ogni oggetto che gli arriva vicino), si perde dopo poco tempo dalla nascita


  • Riflesso del collo teso (la tendenza del neonato supino a piegare il collo, spostando la testina da un lato, quello preferito), si perde dopo qualche mese dalla nascita


  • Riflesso di Moro (il bebè se sollecitato da un brusco movimento o un rumore che lo spaventa tende ad allargar le braccine come in un abbraccio), si perde entro i primi 12 mesi di vita


  • Riflesso di marcia automatica, che prelude al movimento volontario, a schema crociato, di spostamento sulle gambe

Come anticipato, tali riflessi istintivi neonatali possono permanere, e parliamo del riflesso di respirazione o di deglutizione, che sono vitali, oppure evolvere verso abilità motorie più sofisticate e comunque volontarie. Ad esempio, se nei primi mesi il bimbo non riesce a tenere la testolina eretta, dopo il terzo mese acquisisce questa abilità, che naturalmente dipende dal fatto che la muscolatura del collo si rinforza, riesce a tenersi dritto e dopo il quinto mese riesce anche stare in pozione perfettamente dritta.

Sempre nello stesso periodo il neonato "scopre" l'opponibilità del pollice, necessaria per manipolare e tenere stretti gli oggetti, comincia a strisciare per terra per spostarsi e poi a gattonare, sa mettersi in posizione eretta e mantiene la schiena ben dritta, oltre a cominciare a girarsi per cambiare posizione nella culla.

Entro i 12 mesi il piccolo è in grado di afferrare e manipolare gli oggetti da solo, anche perché ormai la coordinazione occhio mano è perfetta, impara a muovere i primi passi, e si coordina in modo sempre più sofisticato. E' pronto per esplorare il mondo!

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Foto| via Pinterest

  • shares
  • Mail