Seguici su

Salute e benessere

Vitamina K in allattamento, quando è necessario integrarla?

La vitamina K è una sostanza indispensabile per la coagulazione del sangue che se carente nel neonato può provocare gravi emorragie. Vediamo quando è necessaria un’integrazione durante l’allattamento

Parliamo di vitamina K e integrazione durante l’allattamento, un argomento un pochino controverso sul quale è bene fare chiarezza. Intanto, di che sostanza stiamo parlando? La vitamina K è un composto naturale presente in alimenti comuni tra cui il latte vaccino e le verdure a foglia verde, e in questo caso prende il nome di vitamina K1, ma viene anche sintetizzato nell’organismo umano dalla flora batterica intestinale (vitamina K2).

Esiste, infine, una “versione” sintetica, ovvero farmacologica, chiamata K3, ed è proprio quella che viene somministrata normalmente ai neonati in ospedale – in soluzione unica per via intramuscolare – per evitare rischi di emorragie interne.

Infatti questo composto gioca un ruolo cruciale come fattore di coagulazione del sangue a livello epatico. Per tale ragione quando la vitamina K manchi del tutto o sia inferiore ai livelli minimi, il rischio è quello di andare incontro a gravi emorragie interne. Nel caso del neonato questa sindrome ha un nome specifico: Malattia emorragica del Neonato (MEN).

Nell’adulto in genere una carenza di vitamina K è assai rara, ma dal momento che il latte materno ne è quasi privo, molti pediatri consigliano alle neomamme che allattino esclusivamente al seno i propri bambini, soprattutto quando nati prematuramente, di somministrare loro un’integrazione di vitamina K, cosa non necessaria quando, invece, il bebè sia nutrito con il latte formulato, che ne è molto più ricco.

In realtà un bambino sano che nasca da parto naturale e sia allattato al seno da una madre a sua volta sana, non avrebbe bisogno di questa integrazione, perché il suo organismo comincia subito a produrre la vitamina K da sé. Tuttavia, una carenza può verificarsi nei seguenti casi:

  • Diarrea e vomito prolungati del neonato che abbiano indebolito la sua flora intestinale, già comunque fragile perché immatura
  • Malattie che provocano malassorbimento, come celiachia e allergie o intolleranze alimentari (soprattutto al lattosio e alle proteine del latte vaccino)
  • Trattamento materno con farmaci che inibiscono la produzione di vitamina K

In tutti questi casi, e sempre quando il pediatra noti che il lattante manifesta sanguinamenti nella zona oculare o intestinale, è d’obbligo l’integrazione di vitamina K in dosi controllate (altrimenti il bebè rischia l’ipervitaminosi K che può addirittura provocagli uno shock fatale). Se il bambino è colpito da MEN gli vien somministrata una prima dose di vitamina K subito dopo il parto, e poi una successiva dose di 2 mg alla settimana (in gocce) per un tempo di sei settimane.

Per tutti gli altri bambini, però, in genere non si procede a questa integrazione perché del tutto inutile, quando non dannosa. In ogni caso, questo genere di supplementazione vitaminica va sempre decisa dai pediatri del reparto di neonatologia, in ospedale, o dal proprio pediatra di base, pertanto la cosa migliore è quella di fidarsi del parere degli specialisti e, in caso di dubbio, farsi sempre spiegare per filo e per segno per quali ragioni il bambino debba seguire una certa terapie farmacologica e quali potrebbero essere gli eventuali effetti collaterali.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Foto| via Pinterest

Leggi anche

mamma abbraccia figlia adolescente mamma abbraccia figlia adolescente
Scuola2 giorni ago

Prepararsi per le gare scolastiche: incoraggiare i bambini

In questo articolo, esploreremo alcune strategie che possono aiutare i genitori a sostenere i propri figli nel processo di preparazione...

Mamma e figlio che fanno i compiti a casa Mamma e figlio che fanno i compiti a casa
Scuola4 giorni ago

La matematica a casa: rendere divertente l’apprendimento

Ecco qualche consiglio per rendere la matematica divertente e coinvolgente anche a casa. La matematica è spesso considerata una materia...

Bambina con occhiali da sole e orologio Bambina con occhiali da sole e orologio
Accessori5 giorni ago

Guida alla scelta dell’orologio perfetto per il tuo bambino: analogico o digitale?

Regalare un orologio a un bambino è un gesto ricco di significato, un vero e proprio passo verso la crescita....

bambino in difficoltà mentre studia bambino in difficoltà mentre studia
Scuola6 giorni ago

Affrontare i problemi di linguaggio a scuola

In questo articolo esploreremo alcuni dei problemi di linguaggio e vedremo qualche consiglio per affrontarli. L’educazione è un diritto fondamentale...

bambini a lezione bambini a lezione
Scuola1 settimana ago

Strategie per migliorare la concentrazione a scuola

In questo articolo, esploreremo alcune delle strategie per migliorare la concentrazione a scuola. La concentrazione è una delle abilità fondamentali...

studentessa stressata studentessa stressata
Scuola2 settimane ago

Come gestire i malumori post-scuola

In questo articolo, esploreremo alcune strategie utili per affrontare i malumori post-scuola. I malumori post-scuola sono un fenomeno comune tra...

autostima dei bambini autostima dei bambini
Scuola2 settimane ago

Sviluppare l’autostima attraverso le attività scolastiche

Scopriamo quali sono le attività scolastiche che possono aiutare a migliorare l’autostima. L’autostima è un aspetto fondamentale per il benessere...

bambina che sorride guardando il mappamondo e tanti manichini uniti, concetto di inclusione bambina che sorride guardando il mappamondo e tanti manichini uniti, concetto di inclusione
Scuola2 settimane ago

Parlare di diversità e inclusione con i bambini

In questo articolo forniremo alcuni consigli utili per parlare di inclusione e diversità con i bambini. Parlare di diversità e...

Bambini bici zaino scuola parco Bambini bici zaino scuola parco
Crescita dei figli2 settimane ago

I molteplici benefici della bicicletta per lo sviluppo dei bambini

L’uso della bicicletta fin dai primi anni d’infanzia ha numerosi punti di forza, purché questa attività sia gestita in modo...

adhd adhd
Scuola3 settimane ago

Supportare i bambini con ADHD a scuola

Scopriamo cos’è l’ADHD e come aiutare i bambini a cui viene diagnosticata. L’ADHD, acronimo di Attention Deficit Hyperactivity Disorder, è...

studente universitario che dorme sui libri studente universitario che dorme sui libri
Scuola4 settimane ago

L’importanza del sonno per la prestazione scolastica

In questo articolo esploreremo l’importanza del sonno per la prestazione scolastica e forniremo alcuni consigli. Il sonno è un elemento...

bambino in difficoltà mentre studia bambino in difficoltà mentre studia
Scuola4 settimane ago

Sostegno per i bambini con difficoltà di apprendimento

I bambini con difficoltà di apprendimento possono affrontare sfide uniche nel loro percorso educativo. L’apprendimento è un processo fondamentale nella...