Neutrofili alti nei bambini, le cause e le terapie da seguire

Quando le analisi del sangue dei bambini evidenziano livelli più alti della norma di neutrofili, di solito indicano un'infezione in atto. Vediamo come interpretare i valori e come intervenire

I neutrofili sono cellule del sangue che fanno parte dei leucociti, o globuli bianchi, e di questi sono i più numerosi. Si tratta di cellule altamente specializzate che hanno il compito di combattere gli agenti patogeni che si introducano nell'organismo, come virus e batteri, in grado di provocare infezioni.

Come gli altri globuli bianchi, che fanno parte del nostro sistema immunitario, anche i neutrofili sono indispensabili per combattere le malattie infettive, e quando veniamo attaccati da un germe patogeno, allora il loro numero aumenta(neutrofilia).

Thermometer

Essi si comportano come dei macrofagi, ovvero individuano i microrganismi nocivi e li fagocitano, distruggendoli grazie a speciali enzimi da loro prodotti. I bambini sono particolarmente soggetti a infezioni più o meno serie, sia perché il loro sistema immunitario è ancora immaturo, che perché frequentano luoghi in cui il contagio delle principali malattie è molto facile (ad esempio asili, scuole, palestre).

Pertanto può capitare, e di fatto capita spesso, che abbiano la febbre (che è un sintomo di infiammazione, e anche un meccanismo utilizzato dalle difese del corpo per contrastare la proliferazione dei germi) e che i loro leucociti, e in particolare i neutrofili, aumentino nel sangue.

Consideriamo che in condizioni di salute la concentrazione dei neutrofili nel sangue dei bambini di un anno è pari a circa il 40%, percentuale che a 10 anni sale al 60%. Ovviamente valori superiori, o molto superiori, a questa soglia, indicano che il piccolo è stato colpito da una qualche patologia infettiva - è il caso più comune - ma possono avere anche altre cause. Vediamo le principali:


  • Infezioni provocate da virus, batteri, funghi e parassiti in generale
  • Avvelenamento da sostanze tossiche e inquinanti
  • Fumo di sigaretta (ovvero esposizione prolungata al fumo passivo)
  • Ustioni
  • Malattie autoimmuni
  • Tumori e linfomi
  • Malattie del sangue
  • Neutrofilia idiopatica ereditaria (una condizione di neutrofilia congenita non grave)

Per una valutazione delle cause della neutrofilia è necessario che sia il medico a visitare il bambino e, se necessario, prescrivere ulteriori indagini diagnostiche, soprattutto in presenza di valori alterati non associati ad infezione evidente.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail