La Malattia emorragica del Neonato, le cause e le cure da seguire

La Malattia emorragica del Neonato può insorgere sia in fase perinatale che dopo qualche settimana dal parto, ed è più frequente tra i prematuri. Vediamo le cause e come prevenire questa grave complicanza

La Malattia emorragica del Neonato (MEN) è una complicanza peri e postnatale che può avere diversi gradi di gravità e che in genere colpisce più facilmente i bebè prematuri.

All'origine della patologia, che provoca sanguinamenti ed emorragie multiple, è la carenza della vitamina K, una sostanza naturale presente in molti cibi e in parte prodotta direttamente dal corpo grazie all'azione di alcuni batteri intestinali, che funge da fattore di coagulazione del sangue.
Malattia-emorragica-neonato

La MEN, come anticipato, può essere lieve o più severa e pericolosa, e viene classificata pertanto in tre varianti:


  • Malattia emorragica del Neonato classica: si definisce anche carenza fisiologica perché colpisce i neonati che vengono allattati al seno in quanto la vitamina K, la cui carenza (avitaminosi K) negli adulti è molto rara, nel latte materno non è praticamente presente o lo è in misura insufficiente per i neonati prematuri o predisposti alle emorragie che non riescono subito a produrla da soli. La MEN classica si manifesta con sanguinamenti nell'area intestinale, emorragie cerebrali, sanguinamento del cordone ombelicale e formazione di ematomi ed ecchimosi
  • Malattia emorragica del Neonato precoce: in questo caso la MEN colpisce il bebè in fase perinatale, ovvero immediatamente dopo il parto entro le prime 24 ore di vita. La causa di questa variante della malattia è una carenza di vitamina K materna, in genere provocata da trattamenti farmacologici che abbiano interferito con la produzione della sostanza. Le emorragie che colpiscono il neonato possono essere lievi oppure severe
  • Malattia emorragica del Neonato tardiva: è la variante meno comune. In questo caso le emorragie (nella zona intestinale e ano-rettale o a carico dell'occhio) insorgono nei primi mesi di vita del lattante (allattato al seno) soprattutto a seguito di diarrea prolungato e infezioni intestinali che riducano le riserve di vitamina K. In passato questa complicanza era molto più frequente

La MEN si cura e si previene con la somministrazione di vitamina K farmacologica. Per prudenza in quasi tutti i punti nascita e i reparti di neonatologia italiani una prima dose (1 mg) di vitamina K sintetica (chiamata vitamina K3) viene somministrata immediatamente dopo il parto a tutti i neonati con iniezione intramuscolare.

In genere, nei neonati sani e non prematuri, questa misura preventiva è più che sufficiente. Nei bambini a rischio, però, la cura prosegue con la somministrazione del farmaco (Konakion) per un periodo di circa un mese e mezzo. La dose (in unica soluzione settimanale) è di 2 mg da somministrarsi al bebè in gocce.

La terapia antiemorragica a base di vitamina K deve essere prescritta e monitorata attentamente dal pediatra, perché altrimenti il neonato corre il rischio contrario, ovvero quello di manifestare una sindrome da ipervitaminosi K con sintomi come ittero e anemia. L'ipervitaminosi K è una condizone molto grave, che può persino portare alla morte, ecco perché la somministrazione prolungata della vitamina va prescritta solo quando ristrettamente necessario in caso di vero rischio di MEN.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Foto| via Pinterest

  • shares
  • Mail