I farmaci ammessi per la cura dell'ipertensione in gravidanza

L'ipertensione gravidica è un disturbo comune che, però, va attentamente monitorato. Vediamo quali sono i farmaci per abbassare la pressione compatibili con la gravidanza

L'ipertensione gravidica, che può essere lieve o marcata, è una condizione abbastanza comune che, però, va sempre tenuta sotto controllo perché esiste il rischio che degeneri in preeclampsia, o gestosi, con pericoli per la salute di mamma e feto e parto precoce.

La pressione alta in gravidanza dipende da molti fattori, non ultima l'azione vasocostrittrice indotta dagli ormoni e dall'affaticamento cardiaco che deve "pompare per due".

Ipertensione-gravidanza

In molti casi una ipertensione lieve, legata alla sola gestazione, si risolve con il parto e non necessita di particolari terapie se non continui monitoraggi e uno stile di vita materno che riduca i fattori di rischio. Ad esempio seguire una dieta nutriente ma leggera, iposodica, bene molta acqua, evitare l'aumento eccessivo di peso e fare moderata attività fisica, sono alcune delle buone abitudini che possono contribuire e mantenere in equilibrio i valori pressori.

L'ipertensione tende ad aggravarsi ala fine della gravidanza, ragion per cui a volte si preferisce anticipare il parto con un taglio cesareo programmato. Tuttavia, se invece i valori pressori troppo elevati si manifestano nella prima parte della gravidanza, è necessario abbassarli attraverso una opportuna terapia farmacologica.

Sebbene di solito in gravidanza l'assunzione di farmaci sia sconsigliata, in questo caso è invece importante che la futura mamma si curi per evitare conseguenze peggiori, soprattutto aborto e parto prematuro. I medicinali comunemente prescritti dai cardiologi per abbassare la pressione sanguigna sono diversi, spesso da assumersi in formula combinata.

Tra questi ci sono gli antiipertensivi che fungono come agenti centrali, i beta-bloccanti (che influiscono sulla frequenza delle pulsazioni facendo sì che il cuore pompi meno sangue), gli ace-inibitori (che riducono o impediscono la produzione di sostanze che hanno effetto vasocostrittore), i calcio-antagonisti. Ecco una lista di quelli che anche le donne in dolce attesa possono assumere senza rischi per sé e per il feto:


  • Agenti centrali (agiscono direttamente sul sistema nervoso simpatico):
    Alfa-metil-Dopa
    Clonidina
  • Beta-bloccanti:
    Labetalolo
    Atenololo
    Metaprololo
    Propanololo
  • Vasodilatatori periferici:
    Idralazina
    Diazossido
    Minoxidil
  • Calcio-antagonisti:
    Nifedipina
    Lacidipina

Tutti i farmaci per curare l'ipertensione gravidica e ridurre i rischi di gestosi sono da assumersi previa prescrizione medica e controllo del cardiologo e del ginecologo. Le dosi e i tempi della terapia vanno modulati in base alle condizioni materne.

E' bene che la futura mamma alla seconda gravidanza che, nella prima, abbia sofferto di pressione alta, riduca subito i fattori di rischio e si attenga alle indicazioni del proprio ginecologo.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Foto| via Pinterest

  • shares
  • Mail