I Disturbi specifici dell'Apprendimento e quali terapie seguire

I Disturbi specifici dell'Apprendimento, tra cui la dislessia e la disgrafia, insorgono durante le scuole elementari in alcuni bambini ma non sono legati a deficit intellettivi. Vediamo come riconoscerli e trattarli

I Disturbi specifici dell'Apprendimento (DSA), sono problematiche che possono emergere durante la scuola primaria (o anche già alla materna) e compromettere il percorso scolastico dei bambini se non riconosciuti e trattati a dovere.

Va subito chiarito che si tratta di disturbi che nulla hanno a che vedere con l'intelligenza del bambino, che può anche essere sopra la media, piuttosto con le metodiche normalmente usate per insegnare le materie più importanti.

Disturbi-specifici-apprendimento

I bambini affetti da DSA, infatti, hanno difficoltà ad imparare a leggere, a scrivere e a "far di conto" seguendo le linee didattiche comunemente usate dagli insegnanti, e quindi accumulano degli importanti ritardi. Necessitano, invece, di percorsi, esercizi e strumenti didattici personalizzati che siano più adeguati alle loro particolari esigenze.

In questo modo apprendono rapidamente e senza alcun problema. I Disturbi specifici dell'Apprendimento riconosciuti anche dal MIUR, che interessano circa il 2-3% degli scolari delle scuole elementari, sono i seguenti:


  • Dislessia (difficoltà ad imparare leggere e a scrivere)
  • Discalculia (difficoltà con i numeri)
  • Disgrafia (difficoltà a scrivere in modo corretto e comprensibile)
  • Disortografia (difficoltà ad apprendere le minime regole ortografiche e grammaticali)

L'origine di questi disturbi è di tipo neurobiologico, probabilmente su base genetica. I bambini con DSA sono del tutto normali sotto ogni profilo (cognitivo, sensoriale e neurologico), e pertanto il loro ritardo nell'apprendimento è solo di tipo funzionale. I segnali di allarme sono presto detti:


  • Difficoltà a leggere, e soprattutto a farlo in modo fluente
  • Errori ortografici e grafia illeggibile anche dopo i primi anni di elementari
  • Difficoltà nell'eseguire le minime operazioni aritmetiche, numeri scritti male
  • Difficoltà di concentrazione
  • Difficoltà ad imparare le nozioni in sequenza

  • Difficoltà ad appendere le nozioni di tipo mentale e ad applicarli per iscritto (ad esempio le tabelline)
  • Facilità distrarsi e disturbare in classe

I bambini con DSA devono faticare il triplo per ottenere risultati scolastici molto inferiori rispetto alle proprie capacità intellettive, e questo genera in loro frustrazione e insoddisfazione, disamore per la scuola e depressione.E' pertanto necessario intervenire il prima possibile, entro la terza classe elementare.

Il bambino con sospetto DSA deve essere valutato da un neuropsicologo attraverso specifici test e un'attenta anamnesi. A quel punto, una volta diagnosticato uno o più (sovente i DSA vanno a braccetto), disturbi dell'apprendimento, si procederà a studiare un opportuno percorso riabilitativo e terapeutico anche attraverso strumenti didattici, giochi ed esercizi specifici. Infatti il bambino non colma i sui deficit facendo più esercizio (ad esempio leggendo tanto), ma facendolo nel modo giusto (per lui).

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Foto| via Pinterest

  • shares
  • Mail