Cosa fare se il bimbo non vuole il ciuccio nuovo

Abbandonare il ciuccio o cambiare ciuccio è un passaggio di crescita fondamentale e molto complicato. Ecco qualche consiglio per affrontare questa fase.

L’uso del ciuccio è molto comodo per il bambino e per la mamma, ma dire che la famosa “pipetta” sia un alleato non sarebbe vero. Diciamo che i nuovi succhietti sono fatti in modo tale da non danneggiare il palato e lo sviluppo della bocca del nostro piccolino, ma potendo farne a meno… approfittatene.

ciuccio

I piccolini allattati al seno molto spesso non usano il ciuccio. Quando hanno bisogno di conforto, c’è la mamma e ovviamente il suo latte. Ci sono invece bimbi che lo utilizzano per addormentarsi o in caso di malinconia, dolore, sconforto e piccoli che proprio non riescono a dividersi dal loro ciuccio neanche per pochi minuti (alcuni si causano anche una fastidiosa dermatite).

Un tempo il succhietto era uno e unico, oggi non è così. Di solito quelli di nuova generazione sono in base alla crescita: ci sono lo 0-3, quelli fino a 6 mesi e poi per bimbi più grandi, proprio perché sono studiati in base alla dimensione della bocca. È difficile quindi che il bambino abbia un unico ciuccio.

La soluzione potrebbe essere comprarne uno uguale a quello vecchio, almeno esteticamente. Altrimenti ritenetevi davvero fortunate: l’abbandono del ciuccio è un miracolo. Ovviamente il bambino non deve essere assecondato riottenendo quello vecchio a suon di capricci. Se avete deciso di toglierlo, probabilmente è perché vi siete accorte che non era più opportuno. Lasciate che si consoli con un Dou Dou, fategli sentire di più la vostra presenza, soprattutto la sera, e fategli un sacco di complimenti: è diventato un bimbo grande.

  • shares
  • Mail