Seguici su

Salute e benessere

Bambini nervosi e irritabili, misuriamo la temperatura

Quando i nostri bambini diventano all’improvviso nervosi e irrequieti, piagnucolano e sono irritabili, forse è il segnale che si stanno ammalando

[blogo-video provider_video_id=”U3F1EX-hJbc” provider=”youtube” title=”La febbre nel bambino. consigli pratici per i genitori” thumb=”” url=”http://www.youtube.com/watch?v=U3F1EX-hJbc”]
Situazione tipo: il nostro bambino gioca tranquillo e beato con i suoi giocattoli preferiti mentre mamma o papà sfaccendano o si rilassano in casa durante la sera.

All’improvviso, ci accorgiamo che il nostro piccolo è diventato nervoso, che non ha più voglia di giocare, che appare stanco e irritabile, piagnucola e se tentiamo di rivolgere la sua attenzione verso attività gradite come la visione di un cartone animato o un altro gioco, ci rendiamo conto di non riuscire a distrarlo. Il cibo non lo calma e il suo umore diventa sempre più serio.

Ebbene, è arrivato il momento di misurargli la temperatura. Infatti un repentino cambiamento nel comportamento, un incupimento dell’umore e irritabilità sono segnali di un malessere incombente, come ad esempio l’influenza stagionale o una malattia esantematica, ma anche un semplice raffreddore o il classico mal di gola dei bambini.

Nulla di cui preoccuparsi troppo, i piccoli, infatti, soprattutto nell’età prescolare e durante i primi anni delle elementari, si ammalano molto spesso perché il loro sistema immunitario ancora in formazione deve imparare a fronteggiare gli attacchi patogeni dei vari virus e batteri che si trovano nell’ambiente.

Ad ogni modo, come dicevamo, quando ci accorgiamo che il nostro bambino è diventato un po’ “strano”, irritabile, non parla o si stanca subito, potrebbe “solo” avere la febbre (o la temperatura corporea potrebbe star cominciando a salire), segno di una infiammazione interna.

La febbre, infatti, altro non è che la risposta immunitaria dell’organismo all’attacco dei germi, perché questi ultimi sopravvivono con difficoltà in un corpo con temperature elevate. Se, quindi, dovessimo accorgerci che il bambino affettivamente ha un po’ di febbre e che questa sta aumentando, non precipitiamoci a dargli l’antipiretico, ma semmai aspettiamo finché non raggiunga almeno la temperatura di 38° e mezzo.

A quel punto possiamo chiamare il pediatra per un consulto e nel frattempo osserviamo anche gli altri eventuali sintomi per poterli descrivere al medico, come l’insorgenza di nausea o arrossamento della gola. Copriamo il bambino se ha i brividi e mettiamolo a letto, a riposo.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Foto| via Pinterest

Leggi anche

bambini a scuola che litigano bambini a scuola che litigano
Scuola1 giorno ago

Strategie per gestire i conflitti tra fratelli sulla scuola

Gestire i conflitti tra fratelli sulla scuola può essere una sfida per molti genitori. Ecco qualche consiglio. I conflitti tra...

bambini, squadra bambini, squadra
Scuola4 giorni ago

Insegnare ai bambini l’importanza del lavoro di squadra

In questo articolo esploreremo l’importanza del gioco di squadra. Insegnare ai bambini l’importanza del lavoro di squadra è un aspetto...

Comunicazione tra genitori e scuola Comunicazione tra genitori e scuola
Scuola6 giorni ago

Preparazione per i colloqui scolastici: consigli per i bambini

La preparazione per i colloqui scolastici è un processo importante per i bambini. Ecco qualche consiglio. I colloqui scolastici sono...

ragazza legge un libro ragazza legge un libro
Scuola1 settimana ago

Consigli per mantenere l’equilibrio tra scuola e hobby

Ecco qualche consiglio per mantenere un equilibrio sano tra scuola e hobby. Mantenere un equilibrio tra scuola e hobby può...

alunni e professore realizzano un progetto pratico alunni e professore realizzano un progetto pratico
Scuola2 settimane ago

Il valore dell’apprendimento pratico: progetti e attività

In questo articolo esploreremo il valore dell’apprendimento pratico, alcuni esempi e le sfide da affrontare. L’apprendimento pratico è un’importante componente...

mani che tengono la Terra mani che tengono la Terra
Scuola2 settimane ago

Integrare l’educazione ambientale nella vita quotidiana

In questo articolo, esploreremo diverse strategie per incorporare l’educazione ambientale nella nostra routine quotidiana. L’educazione ambientale è diventata sempre più...

bambino che disegna bambino che disegna
Scuola2 settimane ago

Strategie per incoraggiare la creatività nei bambini

In questo articolo, esploreremo alcune strategie efficaci per stimolare la creatività nei bambini. La creatività è una delle abilità più...

bambino in difficoltà mentre studia bambino in difficoltà mentre studia
Scuola2 settimane ago

Prevenire l’esaurimento scolastico nei bambini

In questo articolo esploreremo alcune strategie per prevenire l’esaurimento scolastico nei bambini. L’esaurimento scolastico è un problema che affligge molti...

mamma abbraccia figlia adolescente mamma abbraccia figlia adolescente
Scuola3 settimane ago

Prepararsi per le gare scolastiche: incoraggiare i bambini

In questo articolo, esploreremo alcune strategie che possono aiutare i genitori a sostenere i propri figli nel processo di preparazione...

Mamma e figlio che fanno i compiti a casa Mamma e figlio che fanno i compiti a casa
Scuola3 settimane ago

La matematica a casa: rendere divertente l’apprendimento

Ecco qualche consiglio per rendere la matematica divertente e coinvolgente anche a casa. La matematica è spesso considerata una materia...

Bambina con occhiali da sole e orologio Bambina con occhiali da sole e orologio
Accessori3 settimane ago

Guida alla scelta dell’orologio perfetto per il tuo bambino: analogico o digitale?

Regalare un orologio a un bambino è un gesto ricco di significato, un vero e proprio passo verso la crescita....

bambino in difficoltà mentre studia bambino in difficoltà mentre studia
Scuola3 settimane ago

Affrontare i problemi di linguaggio a scuola

In questo articolo esploreremo alcuni dei problemi di linguaggio e vedremo qualche consiglio per affrontarli. L’educazione è un diritto fondamentale...