I nostri bambini crescono e vanno alle medie, e così aumenta anche il loro impegno scolastico sia in classe che casalingo. I compiti e le lezioni da preparare nel pomeriggio si moltiplicano, e senza dubbio stare dietro a tutto può, inizialmente, risultare faticoso e stressante.

Tuttavia, alla fine si tratta solo di una questione di metodo di studio e di organizzazione. I ragazzi della scuola media, infatti, in piena pubertà, maturano in fretta e le loro capacità di apprendimento sono straordinarie, pertanto sono perfettamente in grado di gestirsi in modo intelligente i compiti e di studiare con profitto.

Detto questo, soprattutto nei primi tempi, può essere utile un affiancamento dei genitori, non per fare i compiti al posto dei figli, ci mancherebbe, ma solo per aiutarli ad organizzarsi nel modo più efficace sì da ottimizzare il tempo a loro disposizione. Ecco qualche semplice consiglio pratico.

  • Creare una timeline dei compiti. Aiutate i ragazzi, una volta che l’orario delle materie scolastiche sia già definitivo, a strutturare un calendario dei compiti semplice da consultare, magari con dei bei colori a contrasto, da appendere nei pressi della scrivania, in cameretta. In questo modo sapranno subito quali materie dovranno studiare per il giorno dopo
  • Segnare i diversi compiti del giorno sulla lavagnetta. Questo è un buon sistema e un incentivo a fare le cose in modo ordinato e secondo una sequenza logica, perché ogni lezione che verrà studiata e ogni esercizio completato si cancelleranno fino a che non rimarrà più nulla da fare
  • Fare una lista dei compiti da fare in ordine di difficoltà decrescente. Quando i ragazzi appuntano tutti i compiti nella lavagnetta, dovrebbero farlo secondo una “classifica” di difficoltà. Le prime in lista (da affrontare subito), saranno le materie più ostiche, che includono uno sforzo maggiore oppure un tempo più lungo per essere svolte. Psicologicamente è molto meglio, infatti, lasciarsi le cose più facili alla fine, quando si è già un po’ più stanchi
  • Fare una pausa di 15 minuti tra una tranche e l’altra dei compiti. Il cervello necessita di un po’ di riposo per lavorare al meglio, pertanto l’ora della merenda diventa proprio la pausa relax giusta
  • Stabilire l’ora dei compiti da rispettare in modo tassativo. Naturalmente l’orario di inizio dello studio pomeridiano dove essere modulato in base sia all’impegno scolastico (è chiaro che se i ragazzi hanno rientro, o nelle giornate in cui l’orario di lezione è più lungo, potranno cominciare i compiti più tardi), che alle eventuali attività extrascolastiche
  • Il computer si usa solo se funzionale all’attività di studio (ad esempio per una ricerca) e smartphone e cellulari si tengono spenti per evitare distrazioni

Insomma, poche, semplici regole per far diventare i compiti casa dei nostri ragazzi che fanno le medie un vero successo.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Foto| via Pinterest

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Crescita Leggi tutto