Qual è la differenza tra ovulazione e giorni fertili

Quali sono i giorni più fertili del ciclo femminile, e come fare ad individuare quello dell'ovulazione? Scopriamo le differenze



Spesso ad una donna che cerchi una gravidanza viene detto di concentrare i rapporti sessuali nei giorni fertili del ciclo, quelli che ruotano intorno all'ovulazione. Ma come fare a capire quali sono e soprattutto perché proprio il giorno dell'ovulazione è quello in cui è più probabile restare incinta? Naturalmente è normale avere un po' di confusione, del resto la maggior parte di noi è all'oscuro dei complessi meccanismi biologici del proprio corpo.

Giorni-fertili

Quello che c'è da sapere è che il ciclo ovulatorio femminile consta di tre fasi principali, e che alla donna che voglia ottimizzare le possibilità di una gravidanza è utile conoscerli. La prima fase, che ha una durata di circa 15 giorni, vine detta follicolare, e parte dalla fine dell'ultima mestruazione.

Sulla spinta dell'ormone FSH (follicolo-stimolante), le ovaie maturano alcuni ovuli tra i quali, in modo del tutto casuale, ne verrà scelto uno da espellere in modo che possa, eventualmente, essere fecondato. Quando l'ovocita è pronto per essere espulso il follicolo ovarico in cui è maturato "scoppia", in modo da permetterne la fuoriuscita.

Questa è l'ovulazione, un evento che dura 24 ore, il tempo in cui effettivamente, la cellula uovo femminile è in condizione di esse fecondata dai gameti maschili. L'ovulo si sposta dalle ovaie alle tube di Falloppio e poi migra verso l'utero dove, se non fecondato, si degrada.

Inizia così la fase luteale del ciclo, non più fertile che porta alla successiva mestruazione. Ergo, l'ovulazione dura un giorno preciso situato a metà tra un flusso mestruale e l'altro, facilmente individuabile, nelle donne con ciclo regolare, sottraendo al totale della durata del ciclo da una mestruazione all'altra i 14 giorni della fase luteale (sempre uguale per ogni donna).

Ma i giorni fertili sono più di uno, perché? Perché prima dell'ovulazione è possibile intuire che l'evento si stia preparando grazie ad alcuni sintomi precisi, come piccole fitte alle ovaie, l'aumento della temperatura basale e perdite bianche filamentose (simili a chiara d'uovo), e se si hanno rapporti sessuali mirati in questa fase gli spermatozoi restano vivi in vagina e utero fino a 2 -3 giorni, pronti a fecondare l'ovocita una volta che venga espulso.

Se, però, avete un ciclo irregolare e faticate ad individuare i vostri giorni fertili, vi basterà procurarvi un test di ovulazione in farmacia e avrete un facile responso senza tanti calcoli complicati.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Foto| via Pinterest

  • shares
  • Mail