Neonato con febbre: quando chiamare il pediatra

Quanto è il caso di chiamare il pediatra quando notiamo che il nostro neonato ha la febbre alta? Ecco i consigli per poter sapere sempre cosa fare.

Neonato con febbre, come comportarsi? La febbre è un meccanismo di difesa del nostro corpo, che si manifesta quando la temperatura corporea supera i 37 gradi. La febbre è un sintomo, è una reazione che ci fa capire che il nostro corpo sta combattendo contro un'infezione, ad esempio.

Se il bambino non manifesta altri sintomi, è vivace come al solito, mostra solo un po' di debolezza e di malessere generale, non c'è da preoccuparsi. Mettete in atto i rimedi migliori contro la febbre e vedrete che starà meglio molto presto. Diversa è la situazione se, invece, il bambino si muove poco, non risponde agli stimoli, se la respirazione sembra alterata, se ha difficoltà a respirare.

In caso di convulsioni febbrili è bene chiamare subito il medico, soprattutto se non abbiamo mai dovuto affrontarle, così come è meglio contattarlo se il neonato si lamente con un pianto continuo, che però non è squillante, ma ha una tonalità bassa, "spenta". Se il bambino non vuole mangiare e soprattutto se non vuole bere, contattate il pediatra, perché rischia la disidratazione.

Neonato con febbre

In ogni caso, se non siete tranquilli, il consiglio è sempre quello di telefonare al proprio medico pediatra, per essere rassicurati e per capire cosa fare per abbassare la febbre al neonato. Meglio una telefonata in più e meglio essere più sicuri!

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail