Chi sono i bambini indaco e come riconoscerli

Chi sono i bambini indaco? Quali sono i segni di riconoscimento secondo quanto definito per i bambini cosiddetti indaco?

Bambini indaco

I bambini indaco, definiti in inglese anche come "indigo children" o "indigos", nascono da una definizione della cultura New Age, che applica questa "etichetta" a una nuova generazione di bambini dotati di capacità speciali, addirittura soprannaturali. Noto già negli anni Sessanta, questa cultura ha avuto terreno fertile soprattutto negli anni Novanta, con la diffusione della cultura New Age.

La definizione è stata data per la prima volta negli anni 70 dalla parapsicologa Nancy Ann Tappe, diventando poi celebre nel 1999 con il libro "The Indigo Children" di Lee Carroll e Jan Tober, opera che ha dato il via a un movimento dal quale sono nati poi film, documentari, libri e persino incontri e congressi internazionali.

I bambini indaco quali caratteristiche hanno? Secondo gli autori del libro sopra citato, i bambini indaco hanno grande empatia, sono molto curiosi, hanno una grande forza di volontà e un'innata inclinazione alla spiritualità. Sono molto intelligenti, intuitivi e non amano molto l'autorità, per questo secondo gli autori spesso hanno problemi con il classico concetto di scuola.

I testi di Carroll e Tober sottolinerebbero che i bambini che la medicina classifica come affetti da Sindrome da Deficit di Attenzione e Iperattività in realtà sono bambini super dotati e non hanno bisogno di cure mediche, ma di coltivare la loro spiritualità. Ovviamente la comunità scientifica non è d'accordo con questa affermazione, non riconoscendo nemmeno la classificazione e la teoria dei bambini indaco, per i quali non sono presenti prove empiriche.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail