Diagnosticare il mal di testa nei bambini, le 5 domande da fare

Diagnosticare il mal di testa nei bambini non è semplice: ecco delle domande da porsi in caso di dubbio.

mal di testa nei bambini

Diagnosticare il mal di testa nei bambini non è mai facile: spesso le diagnosi arrivano molto tardi, per questo i neurologi, in occasione di un meeting che si sta svolgendo a Capri, discutendo dell'emicrania infantile, hanno sottolineato l'importanza dell'attenzione dei genitori e il ruolo fondamentale del pediatra.

Bruno Colombo, responsabile del centro per la cura e la diagnosi delle cefalee dell'età pediatrica ed adulta dell'università Vita-salute, ospedale San Raffaele di Milano, ci informa che la diagnosi arriva in media con due anni di ritardo, rispetto ai primi sintomi. Se c'è famigliarità, è bene fare attenzione se il bambino si isola, non vuole sforzarsi, se ha nausea, vomito, fotofobia, tenendo anche un diario del mal di testa, nel quale segnare episodi e dettagli legati alla loro comparsa.

Le 5 domande da porre ai bambini, invece, sono le seguenti:


  1. Dove senti il dolore?
  2. Com'è il dolore?
  3. Quanto dura?
  4. Quanto è forte?
  5. Peggiora con lo sforzo?

Mai sottovalutare il mal di testa nei bambini!

Via | Repubblica

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail