4 esperimenti con l'aria adatti ai bambini

L'aria rappresenta uno degli elementi della natura: ecco come sfruttarla in questi quattro esperimenti pronti a lasciare a bocca aperta i più piccoli

bambino-esperimenti.jpg

I bambini sono, per loro natura, curiosi ed aperti verso tutto ciò che di nuovo ed insolito risulti ai loro occhi. Per tale motivo amano sperimentare, assistere a delle magie apparentemente inspiegabili cercando di scoprire, allo stesso tempo, come sia possibile si verifichino. Che ne dite di stupirli con questi quattro esperimenti con l'aria?

Essa ci circonda ma, nonostante sia indispensabile per la nostra sopravvivenza, quasi non ne abbiamo percezione: gli esperimenti che vi suggeriamo di provare sono semplici, eseguibili con materiali di comune utilizzo reperibili praticamente in qualsiasi casa.

Coinvolgeteli per scoprire, insieme, come tale invisibile elemento della natura non passi poi così inosservato.


  1. Procuratevi una bottiglia, un imbuto e poca argilla. Introducete l'imbuto all'interno del collo della bottiglia vuota, ma cospargete il punto di incontro tra i due con dell'argilla, per fare in modo che non vi sia la possibilità di infiltrazioni di aria. Cercando di riempire la bottiglia versando l'acqua nell'imbuto ci si accorgerà di come questa rimanga al suo interno o al massimo di come cada dentro la bottiglia poche gocce per volta. L'acqua cadrà regolarmente, invece, una volta eliminata l'argilla.

  2. Procuratevi un palloncino, una bottiglia di vetro ed una ciotola piena di acqua calda. Infilate il palloncino sul collo della bottiglia e ponete quest'ultima all'interno della ciotola con l'acqua. Quest'ultima, scaldando a sua volta l'aria contenuta all'interno della bottiglia, farà gonfiare il palloncino. Ciò si spiega in quanto l'aria calda, dilatandosi, tende a salire verso l'alto.

  3. Procuratevi del talco in polvere, un fazzoletto di stoffa ed una lampadina. Dovrete spargere il talco sul fazzoletto, quindi scuoterlo in modo che parte della polvere vada verso la lampadina che è accesa. Scuotendo il fazzoletto con la polvere, quest'ultima tenderà a salire verso l'alto in presenza del calore sprigionato dalla lampadina. Una volta spenta, invece, la polvere cadrà giù attraversando l'aria fredda, che è più pesnate e viene spinta, appunto, verso il basso.

  4. Procuratevi una candela ed un vasetto di vetro abbastanza capiente. Accendete la candela e copritela con il vasetto di vetro. Noterete come, in pochi minuti, la fiamma si spegnerà. Ciò in quanto la fiamma, consumato tutto l'ossigeno presente nel vasetto, lascerà spazio alla sola anidride carbonica, la quale non permette la combustione.

Foto  | Via Thinkstock

  • shares
  • Mail