Fichi secchi in gravidanza e toxoplasmosi: ci sono rischi?

I fichi secchi rappresentano una valida fonte di calcio utile durante la gravidanza: ma si possono mangiare a cuor leggero?

fichi-secchi-in-gravidanza.jpg

Durante la dolce attesa è fondamentale seguire un'alimentazione sana e variagata, in grado di coprire il fabbisogno giornaliero nutritivo della mamma e del bambino. Per garantire al piccolo ed a lei stessa un soddisfacente stato di salute, la futura mamma dovrebbe introdurre almeno 800-1000 mg di calcio al giorno.

Quest'ultimo è importante, tra l'altro, per la correttta formazione delle ossa del feto. Un alimento particolarmente ricco di calcio, oltre che di vitamine e di minerali, sono i fichi secchi.

La domanda, data la premessa, viene da sé: si possono mangiare i fichi secchi in gravidanza? Ci sono rischi legati alla toxoplasmosi? Il dubbio è lecito: i fichi secchi non sono stati cotti né preventivamente sbucciati.

In via del tutto generale la risposta è sì: si possono mangiare i fichi secchi in gravidanza in quanto la possibilità di contrarre la toxoplasmosi è legata al consumo di alimenti crudi cresciuti a contatto con la terra.

Nel caso dei fichi, maturati sugli alberi, è altamente improbabile possa accadere, a meno che durante il processo di essiccazione non siano entrati accidentalmente in contatto con feci di gatti o altri animali malati o con insetti, quali mosche o scarafaggi.

  • shares
  • Mail