Youtube vìola la privacy dei bambini, la denuncia delle associazioni consumatori americane

Ben 23 associazioni consumatori hanno denunciato Youtube, e quindi Google, sostenendo che stia violando la privacy dei minori.

Safer Internet Day

La privacy dei bambini è un argomento molto delicato, soprattutto nel mondo di Internet. Oggi il dito è stato puntato contro il celebre canale video, Youtube. Ventitré associazioni di consumatori statunitensi hanno chiesto di avviare un’indagine sulla piattaforma di proprietà di Google, perché consente la diffusione di pubblicità mirate ai bambini, in apparente violazione delle norme Usa, pur affermando in realtà di rivolgersi ad utenti dai 13 anni in su.

Il vero problema qual è? Secondo le organizzazioni, Youtube ha dei canali per bambini (ChuChu, TV Nursey Rhymes e Kids Songs), attraverso i quali Google raccoglie informazioni personali sui minori. Quali sono queste informazione? Per esempio la localizzazione, l’identificazione degli apparecchi e i numeri di telefono mobile. Queste informazione servono poi al motore di ricerca per indirizzare la pubblicità. Josh Golin, dell’associazione Campaign for a Commercial-Free Childhood, che ha preso parte al ricordo, come riporta Rainews, ha spiegato:

“Per anni, Google ha abdicato alle sue responsabilità, nei confronti di bambini e famiglie, sostenendo in malafede che Youtube, un sito che pullula di cartoni animati, canzoncine per bambini e pubblicità di giochi, non è per bambini sotto i 13 anni”.

Posizione ancora più dura quella di Jeff Chester del Center for Digital Democracy:

"Google ha agito in modo sleale, sostenendo falsamente nei suoi termini di servizio che Youtube è destinato solo a chi ha più di 13 anni e attirando deliberatamente i bambini in un parco giochi di pubblicità".

L’azienda ha risposto alla protesta, difendendo la sua posizione:

"Proteggere bambini e famiglie è sempre stata la nostra massima priorità. Dato che YouTube non è per bambini, abbiamo investito in misura significativa nella creazione della app YouTube Kids per offrire un'alternativa specificamente progettata per i bambini".

  • shares
  • Mail