A che età dare la paghetta ai bambini?

A che età dare la paghetta ai bambini? Ecco qualche consiglio per insegnare ai bambini a gestire il denaro

paghetta ai bambini

A che età dare la paghetta ai bambini? La paghetta è uno degli argomenti che più divide i genitori, c’è chi preferisce darla a settimana e chi a mese, chi sostiene che sia meglio dare i soldi quando vengono chiesti, ognuno dovrebbe fare le proprie valutazioni e scegliere la cosa migliore per sé e per i suoi figli. La paghetta è un modo per responsabilizzare i bambini che in questo modo imparano il valore dei soldi e, potenzialmente, potrebbero non diventare troppo capricciosi da grandi. La paghetta va data quando i bambini sono in grado di capire il valore del denaro e quindi sono in grado di amministrarlo, parliamo di piccole cifre, ma anche loro sono piccoli, quindi è tutto in proporzione.

La paghetta ai bambini si può dare quando iniziano ad andare alle scuole medie, quindi tra gli 11 e i 12 anni, la cifra settimanale deve essere proporzionata ai loro bisogni e, ad occhio e croce, dovrebbero bastare tra i 6,00 e gli 8,00 euro, se preferite dare meno, vanno benissimo anche 5,00 euro, tanto si tratta pur sempre di soldini da dedicare i capricci.

Man mano che i bambini crescono la somma dovrà aumentare, verso i 14-15 anni potete salire sui 12-15,00 euro a settimana, per poi aumentarla ulteriormente man mano che crescono. Non pattuite paghette troppo generose, arrivare a 25,00 euro a settimana potrebbe già andare bene.

La paghetta serve ad amministrare bene il denaro e i desideri, a capire che non si può avere tutto e che bisogna fare delle scelte. È bello che imparino a risparmiare, a fare qualche piccolo sacrificio per potersi poi comprare quello che desiderano. Ovviamente tutto questo funziona che anche voi date il buon esempio, se voi avete le mani bucate, inevitabilmente lui crescerà allo stesso modo.

Foto | iStock

  • shares
  • Mail