L'obesità nei ragazzi è pericolosa per cuore e fegato

L'obesità nei ragazzi è molto pericolosa perchè sul lungo periodo periodo può provocare gravi problemi a cuore e fegato.

obesità nei ragazzi è pericolosa per cuore e fegato

L’obesità nei ragazzi è molto pericolosa, lo è nel presente, ma anche in prospettiva futura perché può avere conseguenze molto gravi per il fegato e per il cuore. Due ricerche indipendenti hanno sottolineato il pericolo dell’obesità nei ragazzini e quindi invitato i genitori e i ragazzi a porre rimedio prima che sia troppo tardi. Una ricerca svedese è stata condotta su un campione di 1 milione e 200 mila ragazzi di 17-19 anni che sono stati seguiti per ben 30 anni in modo da poter analizzare gli effetti sul lungo periodo.

I dati di questo studio sono abbastanza inquietanti perché i rischi di cirrosi epatica e tumore del fegato sono più elevati del 217 per cento, l’insorgenza delle malattie epatiche peggiorava se all’obesità era associato anche il diabete.

Il presidente Domenico Alvaro e la vicepresidente Patrizia Burra hanno dichiarato:

“La Società Italiana di Gastroenterologia e Endoscopia digestiva (Sige) è fortemente impegnata nella ricerca di base e nella ricerca clinica sulle malattie epatiche causate dal sovrappeso e dalla obesità. Il forte messaggio che emerge dal lavoro appena pubblicato dai colleghi svedesi rappresenta un ulteriore stimolo alla ricerca in gastroenterologia ed epatologia per prevenire le malattie del fegato, intervenendo sul controllo di fattori di rischio modificabili, come l'alimentazione, il peso corporeo, l'uso inadeguato di bevande alcoliche”.

Il secondo studio invece è stato condotto in Inghilterra, alla University of Bristol Medical School, e hanno analizzato il rapporto tra l’indice di massa corporea e i problemi al cuore. Lo studio è stato su un campione di 14mila ragazzi tra i 17 e i 21 anni ed è emerso che ad un indice di massa corporea più elevato equivalgono anche un aumento della pressione arteriosa, l'allargamento del ventricolo sinistro e l'ispessimento delle pareti dei vasi sanguigni.

Foto | iStock
Via | ansa

  • shares
  • Mail