Autismo, rischio maggiore se in gravidanza si è esposte al DDT

Se le donne in gravidanza sono esposte al DDT, il rischio di autismo nei bambini è maggiore.

gravidanza

Le donne in gravidanza che sono maggiormente esposte al DDT possono dare alla luce bambini con un rischio maggiore di soffrire di autismo. E' quello che è emerso da uno studio che è stato condotto dai ricercatori della Columbia University e dell'Università di Turku e che è stato pubblicato dall'American Journal of Psychiatry, che ha preso in esame più di un milione di donne finlandesi e i livelli di DDT nel loro sangue. Più alti erano i livelli dell'insetticida più usato, ma che oggi è vietato in numerosi paesi, più alto era il rischio di avere figli affetti da autismo.

I ricercatori hanno utilizzato, per questo studio, i dati delle donne che tra il 1987 e il 2005 avevano partecipato a uno studio finlandese che prevedeva la raccolta di un campione di sangue durante i 9 mesi della gravidanza. I campioni sono stati analizzati per calcolare i livelli di DDT presenti nel sangue, per capire se avesse o meno un'influenza sul rischio maggiore di autismo nei bambini.

Su oltre un milione di mamma sono state individuate 778 donne i cui figli hanno avuto una diagnosi di autismo. Ne sono poi state scelte altrettante con caratteristiche analoghe, ma con figli senza la stessa diagnosi. I ricercatori hanno scoperto che il rischio di autismo con disabilità intellettuale è doppio nelle donne che hanno valori più alti di residui di DDT, mentre per quello che riguarda l'autismo l'aumento è di un terzo.

Non è stata trovata un'associazione analoga per i PCB, una sostanza inquinante molto comune. Alan Brown, autore principale dello studio, spiega:

Spesso pensiamo che queste sostanze siano relegate al ventesimo secolo. Sfortunatamente sono ancora presenti nell'ambiente, e possiamo trovarli nei nostri tessuti e nel nostro sangue.

Via | Ansa

Foto iStock

  • shares
  • Mail