Neonati, anticipare lo svezzamento migliora il sonno

Per aiutare i neonati a dormire meglio bisogna introdurre la pappa prima dei sesto mese.

Il bambino non dorme? Cerca di stare tranquilla è una fase di passaggio. Purtroppo ci sono bimbi che hanno un temperamento più nervoso e faticano a riposare. Il problema si risolve con la crescita. È poco consolante per una mamma che non dorme da mesi, ma è un concetto cui bisogna aggrapparsi per non disperare e per trovare la forza di tenere duro. I ricercatori del King’s College London e della St George’s University di Londra (Regno Unito) hanno scoperto che con l’introduzione della pappa i piccoli riposano meglio.

Gli autori hanno esaminato il rapporto tra alimentazione e sonno in 1.303 bambini di tre mesi allattati esclusivamente al seno. Dopo aver suddivido i piccoli in due gruppi, gli studiosi hanno chiesto alle mamme di iniziare lo svezzamento a partire dai 6 mesi, oppure di cominciare a introdurre cibi solidi nella dieta già a 3 mesi.

Che cosa è emerso? I piccolini svezzati prima dei 6 mesi si addormentavano prima e dormivano più a lungo. E non è tutto, si svegliavano meno frequentemente e soffrivano meno di problemi del sonno rispetto a quelli che per i primi 6 mesi di vita avevano assunto soltanto latte materno.

Non stiamo parlando di grandi dormite, care mamme. Ma di 16 minuti di più a notte, per circa 2 ore la settimana. Mentre la frequenza con cui si svegliavano la notte era da 2 a 1,74 volte inferiore. Di conseguenza, anche i loro genitori soffrivano meno frequentemente di disturbi del sonno rispetto a quelli degli altri bebè.

Via | Bimbisaniebelli

  • shares
  • Mail