Neonati, ogni anno in Italia nascono 25mila bambini con malformazioni

Sigarette elettroniche sconsigliate in gravidanza

Quanti sono i bambini con malformazione? Sono 25.000 neonati l’anno, ovvero 480 ogni settimana. Un numero enorme, inimmaginabile. Quando si è in attesa di un bambino si vive dentro a una bolla: la gioia e la paura dominano l’animo della mamma, che non sa mai come comportarsi davanti ad alcuni esami. Società italiana di neonatologia (Sin) in occasione della Giornata mondiale dei difetti congeniti, il World Birth Defect Day che si celebra ormai da 5 anni il 3 marzo, ricorda l’importanza della prevenzione.


“Per riportare davvero il neonato al centro del futuro e delle politiche sociali dobbiamo offrire a tutti i bambini che nascono uguali possibilità di salute e benessere, intervenendo con un’azione culturale capillare che incida prima di tutto sull’informazione dei futuri genitori”

Ha commentato il presidente Sin, Fabio Mosca, che ha anche aggiunto:

“La prevenzione preconcezionale, che certo non si limita alla prescrizione di acido folico, ma comprende la rimozione di tutti i fattori di rischio fino ad oggi noti infatti è la sfida principale da affrontare nei prossimi anni, perché è in grado di diminuire non solo i difetti congeniti, ma anche alcune malattie dell’infanzia e dell’età adulta che hanno origine prenatale”.

Che cosa deve fare quando una coppia scopre di essere in attesa? La donna deve rivolgersi al proprio medico di fiducia per una visita generale, una valutazione approfondita delle sue condizioni di salute, abitudini di vita e sulla sua storia medica. È importante sapere se è immune nei confronti di alcune malattie come rosolia, varicella, epatite B, toxoplasmosi, citomegalovirus, eventuali terapie in atto, gravidanze precedenti, presenza di malattie genetiche fra i familiari. E poi valutare – sempre insieme ai medici – quali esami fare.

Secondo i dati SIN, ogni anno circa 8 milioni di bambini in tutto il mondo nascono con un grave difetto alla nascita, dei quali circa 3 milioni moriranno prima del quinto compleanno.

  • shares
  • Mail