Gravidanza in età avanzata: spesso le riviste “nascondono” i rischi

Bellissime donne famose con più di 40 anni e pancione in vista: questo ritratto delle gravidanze in età avanzata è fuorviante. Lo sostiene la scienza.

A che età avere il primo figlio? La scelta è molto soggettiva. C’è chi non si pone il problema e chi decide di aspettare il momento migliore. L’attesa può sicuramente essere rassicurante da un punto di vista pratico ed economico, ma bisogna fare molta attenzione agli “effetti collaterali”. Secondo uno studio pubblicato sul Journal of Women’s Health l’immagine di mamme vip pubblicate su molti magazine famosi è fuorviante.

Perché? Si mostra il bello della gestazione anche avanti con gli altri e si dimenticano gli eventuali rischi o che per concepire in alcune situazioni sono stati utilizzati metodi e tecnologie avanzate. Difficile che una donna con più di 45 anni sia in grado di concepire da sola.

Secondo lo studio, queste riviste inconsapevolmente contribuiscono alla diffusione della convinzione di poter tranquillamente partorire anche dopo una certa età, senza pericoli. Durante la ricerca, “L’età è solo un numero”, sono state esaminate 416 riviste, soprattutto femminili, e gli esperti hanno scoperto che venivano menzionate sulla copertina più di 120 diverse celebrità in stato di gravidanza in età avanzata. Susan G. Kornstein, redattrice del Journal of Women’s Health, in relazione allo studio, ha commentato:


“Spesso non viene riferito che esistono costose e straordinarie misure, tecnologie di riproduzione assistita e rischi associati a queste gravidanze in età avanzata”.

Via | Notiziescientifiche

  • shares
  • Mail