Santo protettore dei bidelli, chi è

Il santo protettore della scuola, San Tommaso d’Aquino, potrebbe essere il santo dei bidelli, noti anche come operatori scolastici.

Ogni professione ha un suo santo? Non è proprio così. Per esempio, i bidelli non hanno un santo protettore dedicato unicamente a loro. Qualcuno sostiene che sia San Martin de Porres, guaritore, in un convento domenicano, il primo Santo nero cattolico.

Vero però che la scuola cattolica ha un santo patrono, nominato nel 1880 da papa Leone XIII. Si tratta di San Tommaso d’Aquino. Ovviamente, San Tommaso d’Aquino non veglia solo sui ragazzi e sugli insegnanti, ma su tutti colori che lavorano e operano nelle scuole.

Il Santo protettore gli insegnanti, invece, è San Giovanni Battista de la Salle, che ha introdotto il francese e fondato la comunità dei “Fratelli delle Scuole Cristiane” per i bambini, in particolare poveri.

Per quanto riguarda gli studenti, invece, possono affidarsi a San Giuseppe Da Copertino, Santa Caterina d’Alessandria, che ha convinto i rettori a convertirsi al cristianesimo, Sant’Espedito, San Noé, che è anche santo protettore degli ubriaconi. E, infine, Santa Rita da Cascia, patrona delle cause impossibili e degi serigrafi.

Inoltre, i giovani possono pregare San Pio da Pietralcina, patrono degli adolescenti, San Girolamo, protettore di studenti, eruditi, bibliofili e traduttori, e San Luigi Gonzaga, protettore gioventù. Importante anche San Giovanni Bosco, che creò l'istituto degli oratori annessi alle parrocchie ovviamente protegge gli oratori.

  • shares
  • Mail