Come scegliere i migliori letti per bambini

Ecco qualche consiglio per valutare quale sia il letto più adatto al bambino: la scelta deve essere funzionale per la stanza, ma anche di qualità.

Le camerette dei bambini non sono delle stanze semplici, ma sono degli ambienti multifunzionali che devono rispondere alle esigenze dei piccoli: devono quindi esserci uno spazio per giocare, un per fare eventuali compiti all’inizio e poi per studiare, e poi Re assoluto. Il letto è un grande protagonista e va scelto con molta attenzione.

Il letto migliore, soprattutto quando il bambino è piccolo, è quello svincolato da qualsiasi struttura ed elemento di gioco. Prima dei 4 anni si consiglia un letto Montessori, ovvero basso (30 cm da terra) e relativamente piccolo, così che il bimbo possa familiarizzare con lo spazio. E soprattutto in caso di caduta notturna non si faccia male. Potresti investire in una struttura che cresce con lui per ammortizzare le spese.

In età scolare può passare in un letto normale, che a questo punto può essere integrato con il resto della stanza. Ci sono letti a castello, letti a scomparsa, letti con soppalco, letti singoli o con cassettone con all’interno un altro letto. A livello pratico c’è da tenere presente he nei letti sopraelevati è faticoso cambiare le lenzuola. Se i bambini sono due, sopra, deve andare per forza quello più grande. E potrebbe essere motivo di discussione. Per certi versi i letti ad incastro (a L, a T, etc) sono più funzionali.

E’ poi importante fare molta attenzione al materasso, che deve sostenere il corpo del bimbo e assicurargli un buon riposo, e alle doghe. La struttura in sé conta poco, se poi c’è un buon materasso (possibilmente in lattice) e delle buone doghe, tutto il resto è decorativo.

  • shares
  • Mail