Spray nasale per bambini: perché non dovremmo usarli

Spray nasale per bambini, usarli o non usarli? Pediatri e farmacisti frenano sul suo utilizzo nei bambini piccoli.

Spray nasale per bambini

Spray nasale per bambini, usarlo o non usarlo? Quando il raffreddore arriva, cerchiamo ogni rimedio possibile per poter tentare di far stare meglio i piccoli di casa. Anche perché spesso non sono in grado di soffiarsi il naso e mamme e papà si sentono letteralmente impotenti. Ci sono tanti rimedi per il raffreddore e per il naso chiuso che possiamo sfruttare anche con i bambini piccoli, ma lo spray nasale di solito non rientra tra questi. Soprattutto nei più piccini.

Sotto i 6 anni i decongestionanti non dovrebbero mai essere usati e comunque anche tra i 6 e i 12 anni bisognerebbe usare la massima cautela. Le ricerche scientifiche che abbiamo al momento a disposizione non ci danno evidenze tali per presupporre che possano davvero alleviare i sintomi del raffreddore. Recentemente il British Medical Journal ha sottolineato che ci possono essere degli effetti collaterali da non sottovalutare.

Nei bambini con meno di 2 anni si parla anche di convulsioni, accelerazione del battito cardiaco. Mentre in altri casi si è parlato di insonnia, sonnolenza, mal di testa, disturbi allo stomaco e disturbi gastrointestinali. Anche negli adulti spesso si sottovalutano gli effetti indesiderati di questi prodotti che si prendono fin troppo alla leggera.

L'uso a lungo termine, infatti, potrebbe causare congestione nasale cronica. Anche in caso di raffreddore nei bambini, è sempre meglio evitare il fai da te, rivolgendosi al medico curante del bambino per valutare insieme a lui trattamenti, terapie e rimedi che possono essere utili per farlo stare meglio e per evitare che la soluzione intrapresa per la sua guarigione non faccia altro che far peggiorare le sue condizioni.

Foto Pixabay

  • shares
  • Mail